telefono erotico – RACCONTI EROTICI Il Vestito Viola

telefono erotico – RACCONTI EROTICI Il Vestito Viola

27 Novembre 2021 Off di tarocchirichiesta

RACCONTI EROTICI – Il Vestito Viola

racconti erotici

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

oleva sempre che indossasse il viola. Ma non l’avrebbe mai fatto.

Si vestiva in modo sexy per lui: gonne attillate che mettevano in mostra il suo culo, o top senza maniche che lo stuzzicavano e accennavano, o abiti lunghi e flessuosi che la facevano sembrare una di quelle modelle britanniche degli anni ’60. Ma erano sempre rosse o giallo chiaro o blu, e mai viola.

“Perché non ti vesti di viola per me?”

Lei sorrideva e lo baciava leggermente sulle labbra. “Non è il momento del viola”, diceva.

Si erano conosciuti sei mesi prima. Era a Città del Messico per tenere una conferenza sulla narrativa americana; aveva assistito al secondo discorso, intitolato “Da Poe al postmoderno”. Non indossava nemmeno il viola allora, ma un corsetto bianco di pizzo che mostrava l’ombelico e una gonna a portafoglio stampata. I suoi capelli castani dovevano essere lunghi fino alle spalle, pensò, anche se erano raccolti in una coda di cavallo. Indossava un morbido rossetto rosso e ogni tanto si leccava le labbra. L’ha notata perché prendeva appunti quando quasi nessuno lo faceva. Ogni tanto alzava lo sguardo, con gli occhi neri che brillavano, e scuoteva la testa in accordo con il punto che lui stava facendo.

Che lei gli abbia parlato dopo la conferenza sembrava perfettamente naturale. Aveva aspettato pazientemente che la folla si fosse ridotta, si era avvicinata, si era presentata e aveva detto: “Non credo che tu dia abbastanza credito a Poe”. Il suo inglese era eccellente e parlava con sicurezza: la maggior parte degli studenti che gli parlavano dopo un discorso o erano esitanti, timorosi di chiedere qualsiasi cosa o irritanti, come se l’intera faccenda fosse stata una perdita di 90 minuti.

Quella era la prima volta che pensava che avrebbe dovuto indossare il viola. Vide i suoi occhi e la sua pelle color cannella – canela, ricordò di aver pensato – e i suoi occhi neri, e disse: “Posso farti una domanda?”

Lei annuì. “Indossi mai viola?”

Rise e le brillarono gli occhi. “Non ha molto a che fare con Poe, vero?”

“No”, disse. “Ma sembra molto rilevante per la nostra discussione.”

“Forse lo fa”, ha detto. “Perché viola? E perché dovrei indossarlo per te?”

Era il suo turno di sorridere. “Non ti ho chiesto di indossarlo per me – ancora. E, per prima cosa, perché è un segno di coraggio. Che sembra che tu ne abbia in abbondanza.”

Rimase in silenzio per un momento, e lui si chiese se fosse andato troppo lontano. Ma poi lei strinse le labbra e lui notò quanto fossero morbide e ben modellate. “Sì, coraggio”, disse. “Il coraggio di provare a essere qualcuno che non hai scoperto di poter essere. Ma non sono ancora pronta per indossare il viola.”

Cenarono la sera dopo, in un posto del quartiere che lei aveva suggerito. Indossava pantaloni di lino neri, a vita bassa e un maglione verde. I suoi capelli erano sciolti, le toccavano appena le spalle. I primi due bottoni del maglione erano slacciati e si rese conto che lei gli stava lasciando vedere tanto quanto voleva che vedesse. Allora le balenò addosso, in un maglione viola e senza reggiseno, e dovette bere un sorso di vino.

“Il vino è buono, sì?” lei chiese. “Molto bene,” disse. Ha saputo che era una studentessa di cinema che amava la letteratura americana, proveniva da una famiglia cattolica tradizionale e scriveva poesie. Ha scoperto che gli piaceva il vino e aveva un cane, e che insegnava letteratura americana quando non scriveva – e che non scriveva molto da un po’.

A quel punto il ristorante era quasi vuoto. Un paio di camerieri stavano al bar, sorseggiando qualcosa e discutendo del calcio messicano. “Perché hai accettato di cenare con me?” chiese.

“Perché pensi che l’abbia fatto?”

Si chinò, le toccò dolcemente la guancia, la baciò dolcemente sulle labbra. “Perché volevi che lo facessi.”

“Forse l’ho fatto”, ha detto. E lei si allungò e gli stuzzicò i capelli e lo baciò a sua volta. “E forse perché hai quegli occhi azzurri e quella ciocca grigia tra i capelli e sai tutto di Poe.”

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Posò la testa sulla sua spalla nel taxi, gli strinse il braccio attorno al suo. Poteva sentire quanto fosse morbido il suo corpo, sentiva che sembrava rabbrividire quando gli premeva il seno contro il braccio. Nessuno dei due disse molto; sembrava abbastanza sedersi e toccare mentre l’autista li portava al suo hotel.

Hanno ricevuto un paio di sguardi nell’atrio, che gli sono piaciuti. Così le mise una mano sul culo mentre entravano nell’ascensore, ed era sicuro che avessero più sguardi.

Ha preso a pugni il pavimento. Era in piedi accanto a lui, così vicina ma non toccante. “Hai visto gli sguardi che abbiamo?” chiese. “Ti sono piaciute?

“Forse l’ho fatto,” disse, e prese la sua mano e se la mise sul culo. Anche questa volta la sentì rabbrividire.

La camera d’albergo era buia, a parte una luce che aveva lasciato accesa sulla scrivania. Era in piedi di fronte a lui, per lo più nell’ombra, e aspettava. Sentì un formicolio mentre la guardava stare lì in quel modo per lui.

“Sei pronto per questo?” chiese.

“Forse lo sono,” disse, tendendo le mani.

Li prese, la attirò al suo corpo e lei lo avvolse con le braccia al collo. Poteva sentire il suo corpo premere e muoversi contro di lui, e quando trovò il suo membro si strofinò lentamente e con desiderio. Le sfiorò il collo e l’orecchio, le mani sul culo, e lei odorò di cannella e caprifoglio e lui dovette fare un respiro profondo o perdersi in lei.

Si staccò, le braccia ancora intorno a lei, la baciò dolcemente, sentì la sua lingua incontrare la sua.

“Lentamente”, ha detto

“Oh, per favore, sì,” disse, e poi disse qualcosa in spagnolo che lui non capiva.

La condusse al letto, si sedette, la posizionò accanto a lui. “Stai lì”, ha detto, “e fai quello che dico.”

Lei annuì, prese fiato. Le disse di togliersi il maglione, e lei lo fece. Le disse di slacciarsi il reggiseno, e lei lo fece. Era ancora nell’ombra e sembrava che rendesse l’intero momento qualcosa di molto più di quanto dovrebbe essere.

Le disse di toccare un seno e di stuzzicare il capezzolo, e lei lo fece, gemendo leggermente. “Sei bellissima,” disse, e alzò la bocca sui suoi seni e lei si chinò, dandogli da mangiare uno e poi l’altro. Prese ogni capezzolo in bocca e chiuse gli occhi e lasciò che la sensazione che provava quando l’assaggiava attraversasse il suo corpo. Stava tremando più forte e parlava a bassa voce in spagnolo e le sue mani erano sulla sua testa, torcendogli i capelli.

Alzò la bocca, la guardò in viso, arrossato e pieno. “Togliti i pantaloni e le mutandine”, disse, e lei lo fece, e rimase lì accanto a lui nuda nell’ombra. “Così stupendo”, ha detto. E poi le baciò la vulva, indugiandoci sopra, assaporando quanto fosse bagnata. Stava parlando spagnolo adesso, troppo in fretta perché lui capisse, ma lui intuì quello che voleva, e fece scivolare un dito dentro e poi un altro, e lei si girò e inarcò la schiena e disse: “Oh, Papi”. E li spinse più a fondo e poi li tirò fuori e lo fece di nuovo. Il suo corpo si mosse con le sue dita, e lui sapeva che se non si fosse fermato, sarebbe venuto anche lui.

Riuscì a staccarsi e ad assaggiare il dito. Profumava del suo sperma e della cannella e del caprifoglio, e lui la guardò e lei sorrise e si chinò e lo baciò. “Posso assaggiare, Papi?” e glieli diede da mangiare, prima uno e poi l’altro, e lei li succhiò con cura ma avidamente, e lui sapeva quanto fosse affamata di lui.

Non ha avuto la possibilità di dirle cosa fare dopo. È se lei sapesse cosa avrebbe detto. Gli prese la mano, gli baciò il palmo e lo leccò. Lo spinse dolcemente sul letto, gli fece scivolare via i pantaloni ei pantaloncini. Stava parlando piano, un misto di spagnolo e inglese, e lui la guardò prendere il suo membro tra le mani e leccarne la punta e sospirare, e dire: “Ay, Papi”.

“Il gattino vuole il membro di Papi?” chiese, e lei non rispose. Invece, si arrampicò su di lui e il suo spagnolo era veloce e rumoroso mentre spingeva su di lui. Lui gemette mentre lei forzava la sua vulva sul suo membro e lei rideva e spingeva più forte, e lo spagnolo era ancora più veloce e più forte. La sua vulva era bagnata, scivolosa e scivolosa, e ogni volta che spingeva verso il basso si sentiva meglio dell’ultima volta. Ha cercato di tenere le gambe unite in modo che lei facesse tutto il lavoro, ma non era facile.

Aveva il ritmo adesso e lui la guardò in faccia, i suoi occhi chiusi e la bocca appena aperta, la lingua che muoveva le labbra, vide l’orgasmo iniziare a crescere. Poteva sentire che stava arrivando anche in lui, quanto fosse affamata lei e quanto fosse affamato lui. Anche lui adesso si lamentava, ed entrambi sapevano che era vicino. Il suo spagnolo era misto ai suoi gemiti, e poi lei spingeva verso il basso e si sollevava e poi ancora una volta, l’ultima volta, e finalmente si lasciò aprire le gambe per prenderla tutta, il suo membro così duro e pieno e grosso e poi venire dentro di lei. In qualche modo, ha spinto ancora una volta verso il basso per prendere tutto di lui, il suo membro e il suo sperma, e lei si lamentava e implorava, e poi più spagnolo e inglese, e le parole si spezzavano e poi solo i suoi rumori, tenendo il tempo con i suoi gemiti .

La tenne stretta, il membro ancora dentro di lei, baciandole e accarezzandole i capelli. “Mio gattino, il mio gattino, il mio gattino”, e lei si dondolò lentamente e lo baciò a sua volta.

E sapeva, allora, che forse lei si sarebbe vestita di viola per lui. E forse no. E che era stata una sua scelta, e lui voleva che lo fosse.