telefono erotico – RACCONTI EROTICI L’immaginazione di Sarah, un racconto erotico

telefono erotico – RACCONTI EROTICI L’immaginazione di Sarah, un racconto erotico

29 Novembre 2021 Off di tarocchirichiesta

racconti erotici – L’immaginazione di Sarah

 racconti erotici

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

​Sarah si sveglia da un sogno erotico su una normale telefonata. Ora che è sveglia, niente può distogliere la sua immaginazione dalla lussuria che sta provando e deve arrendersi al suo corpo e alla sua mente, lasciando che il piacere erotico della sua fantasia si evolva mentre la sua immaginazione sessuale si scatena.

Sarah si svegliò di soprassalto, tutto il suo corpo era elettrizzato, formicolante e arrossato dal calore. Il sudore rotolava lungo il morbido pendio della sua scollatura e inumidiva delicatamente il raso della sua camicia da notte. Ogni nervo si sentiva sensibilizzato e lei gemeva e si contorceva con la sensazione fresca ma ruvida del piumone che frustrava e allettava i suoi sensi. Il sogno era stato così vivido e la sensazione di muscoli duri e flessibili tra le sue gambe si era rifiutata di svanire.

Sarah aveva sempre avuto un’immaginazione sfrenata e all’inizio della sua vita si rese conto che il suo forte desiderio sessuale era insaziabile. I suoi sogni nel tempo erano diventati un’orgia della sua immaginazione sessuale e avevano cominciato a rendere difficile il sonno.

Sarah, una studentessa universitaria, aveva da poco deciso di usare la sua immaginazione e soddisfare alcuni dei suoi desideri trovando lavoro come operatrice sessuale al telefono. Perché non dovrebbe fare un po’ di soldi soddisfacendo anche alcuni dei suoi bisogni e impulsi! Quando ha iniziato il lavoro 2 settimane fa, non aveva idea di quanto l’avrebbe resa pazza e quanto arrapata! Ultimamente non riusciva a togliersi un ragazzo dalla testa. Aveva iniziato a telefonare regolarmente e lei aveva cominciato ad avere una tale reazione fisica nei suoi confronti. Il suo cuore aveva iniziato a battere forte dal momento in cui aveva digitato lo spillo per iniziare a lavorare, il sangue le pulsava dentro, facendo letteralmente ansimare Sarah per l’anticipazione sperando che avrebbe chiamato di nuovo.

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Parlare con gli uomini dei suoi desideri sessuali era così eccitante – pensò mentre cercava di rilassarsi sui suoi cuscini. La sua pelle era arrossata e il corpo viscido di sudore e desiderio ricordando la chiamata che aveva ricevuto da lui la notte prima e dal suo sogno. Sarah pensò, era meglio che potesse collegarsi alle linee sessuali del telefono da casa, perché non ne aveva mai abbastanza di come si sentiva e si era così bagnata e arrapata che doveva continuare a pensare a più e modi più innovativi per tirarsi fuori.

Ricordando il suo sogno, Sarah poteva visualizzare con gli occhi della mente le cose che Dan aveva descritto che avrebbe voluto farle quando avevano parlato. Immaginò che Dan sarebbe stato come la sua voce, maschile, snello e muscoloso, e pensò alle azioni che aveva descritto. Inconsciamente si allungò sotto le coperte e si accarezzò dolcemente il clitoride – che era formicolio e faceva scorrere piccole onde di piacevole sensazione attraverso di lei. Visualizzava Dan che leccava e agitava il suo clitoride con la sua lingua calda mentre disegnava pigri cerchi erotici con le sue dita intorno alla pelle morbida dell’interno coscia. Immaginò che lo stuzzicasse, mordicchiasse e succhiasse fino al centro del suo corpo prima di prendere il suo capezzolo in bocca e morderlo e leccarlo delicatamente, e le sensazioni dentro di lei crebbero.

Sarah frustrata e piena di un forte desiderio, decise che aveva bisogno di tentare di raffreddare la sua libido sotto la doccia. Aveva ancora almeno 1 ora fino al suo prossimo accesso alle linee e aveva bisogno di fare dei corsi per l’università. Il morso dell’acqua fresca prima che la doccia si riscaldasse, seguito dal calore incandescente dell’acqua calda che seguì, le fece venire i brividi attraverso la testa, il collo e le spalle, scendendole fino al centro. Questo non sembrava essere d’aiuto, pensò Sarah, mentre si perdeva di nuovo nel piacere della sensazione. L’unico modo a cui Sarah riusciva a pensare per calmare il battito cardiaco e l’ardore del suo desiderio era cedere.

Guardò pensierosa il soffione della doccia. Dan le aveva detto che gli sarebbe piaciuto insaponarla dappertutto e lei sembrava non poter fare a meno di ricreare queste fantasie. Si passò le mani su tutte le sue curve nude e bagnate sott’acqua, insaponandosi e desiderando di poter sentire di nuovo la sua voce. Staccò il soffione della doccia dal suo trespolo sul muro e puntò il getto contro il suo petto, dirigendo il getto forte verso il calore al suo centro che ora stava ricominciando a formicolare. L’acqua scorreva lungo le sue gambe tornite e nella vasca da bagno. L’ago come uno spray era così buono e lei strofinò delicatamente il soffione della doccia contro il suo clitoride prima di gettare indietro la testa e gemere per l’estasi perdendosi nella sensazione. All’improvviso Sarah fece male, sentendosi insoddisfatta e vuota dentro con una fame e un desiderio di riempire il vuoto con un membro duro e palpitante. Giocherellava con il delizioso pensiero di Dan, i suoi muscoli duri tesi mentre la teneva stretta e lo immaginava in bilico sopra di lei spinto contro l’ingresso della sua fica umida e stretta con il suo membro duro come la roccia, prima di scivolare nel calore vellutato. Le dita di Sarah, rispecchiando questo pensiero, si spinsero nelle pieghe insaponate del suo sesso fino alla base della sua mano, muovendosi dentro e fuori, colpendo la parete anteriore della sua vagina mentre il suo pollice stimolava il suo clitoride iniziando a sollevare il suo corpo in strette spire di sensazioni.

Le sue gambe improvvisamente deboli e tremanti iniziarono a cedere e Sarah si abbassò nell’acqua che si accumulava nella vasca da bagno. Nella sua immaginazione la bocca di Dan era sulla sua, facendola impazzire ei suoi baci, diventando più feroci nella sua mente, mordicchiavano e succhiavano il suo collo. Sarah immaginò che le sue cosce venissero spinte più lontano e la sua pancia magra strofinasse contro il suo stomaco mentre picchiava nel suo sesso sfregando contro il suo clitoride ad ogni spinta. Sarah sentì il suo stomaco stringersi e la sua fica iniziare a contrarsi e tremare intorno alle sue dita mentre si muoveva più velocemente al ritmo della sua fantasia. Le spire di piacere crebbero sempre più in alto finché non pensò di poter più trattenersi e sentendo nella sua mente le grida rauche e i grugniti di piacere di Dan della telefonata della scorsa notte, il suo corpo si contorceva e cominciava a raggiungere l’orgasmo per la travolgente pienezza e sensazione.

Gli occhi di Sarah si aprirono dolcemente, la pelle nuda e bagnata arrossì sul petto, sul collo e sulle guance ei seni che si sollevavano mentre ansimava per recuperare i sensi. Quando iniziò a rilassarsi di nuovo nell’acqua, un sorriso malizioso e malizioso si dipinse sul suo viso e all’esterno della scheda della vasca raggiunse il telefono sul bancone del bagno e digitò il suo codice pin. Il telefono squillò e quando Sarah rispose e udì la familiare voce maschile profonda, Sarah sospirò “Dan… speravo che mi chiamassi”.