telefono erotico – RACCONTI EROTICI L’INDISCREZIONE DI ELAINE

telefono erotico – RACCONTI EROTICI L’INDISCREZIONE DI ELAINE

27 Novembre 2021 Off di tarocchirichiesta

RACCONTI EROTICI L’INDISCREZIONE DI ELAINE

racconti erotici

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

Elaine si svegliò qualche tempo dopo e guardò l’orologio. Erano le dieci, la sua mente pensò all’improvviso che giorno fosse e cosa sarebbe successo. Si dimenò sul letto e sentì la sua vulva inumidirsi.

Elaine si alzò e si diresse verso il bagno dove fece una vasca piena di bagnoschiuma creando una fascia di schiuma di due pollici. Elaine scivolò dentro e rimase lì con gli occhi socchiusi rilassandosi nell’acqua calda. Ancora una volta Elaine si svegliò di soprassalto. Si arrampicò fuori dal bagno afferrando una soffice città gialla e procedette ad asciugarsi.

Ha applicato una crema lenitiva a tutte le sue parti delicate.

Mancavano due ore ed Elaine non sapeva cosa indossare. Andò al suo guardaroba e guardò la gamma di vestiti appesi lì. Vestito sexy le era stato detto.

Elaine ha impiegato un po’ di tempo per scegliere cosa indossare. Prese le autoreggenti nere dal sorteggio e se le infilò sulle gambe tornite. Successivamente, le sue mutandine si sono alzate e si sono alzate sopra il suo sedere ben fatto, e poi ha scelto un reggiseno che avrebbe attenuato i suoi grandi seni. Poi è arrivata la sua gonna, una gonna corta a circa due o tre pollici sopra il ginocchio, e infine la sua camicetta – una camicetta di cotone bianco fresco. Un paio di scarpe nere completavano l’insieme.

L’aspetto da scolaretta di Elaine, ogni uomo fantastica sulle ragazze della scuola dell’infanzia che sperava.

Elaine si odiava per quello che era diventata ma era eccitata al pensiero di quello che sarebbe successo. Non molti uomini le avevano prestato molta attenzione nella sua vita.

David aveva passato la mattinata in ufficio ma all’ora di pranzo si era scusato per mezza giornata di ferie.

David andò da qualche parte vicino al luogo in cui gli era stato detto che sarebbero accadute le cose, parcheggiò la sua auto in un punto discreto e si cambiò indossando l’uniforme mimetizzata. David tirò fuori la macchina fotografica e il treppiede, controllò che tutto funzionasse e partì a piedi.

David ha trovato il posto, ha sistemato la sua attrezzatura e si è sistemato per aspettare.

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Elaine ha guidato fino al parcheggio ed è rimasta un po’ sorpresa nel vedere diverse macchine già lì. Scese dalla macchina, il suo lungo mac, messo per non scioccare i vicini, spazzolando il pavimento. Riconobbe i sei uomini e una donna che si avvicinavano a lei. “Sono contento che tu ce l’abbia fatta.” diceva uno dei numeri. “Fa un po’ caldo indossare un cappotto così grande.” disse un altro e procedette a sbottonarlo. Facendolo scivolare dalla sua spalla, il gruppo ha visto per la prima volta la scolaretta Elaine. C’erano diverse prese di respiro.

“Vogliamo fare una passeggiata.” disse uno ed Elaine si sentì spinta in avanti affiancata da due degli uomini con riposo che seguiva ammirando il sedere di Elaine mentre camminava.

David poteva sentirli mentre si avvicinavano.

Elaine si era già slacciata la camicetta, per rivelare il reggiseno nero sotto la camicetta bianca. Si era slacciata la camicetta da sola o l’aveva fatto uno degli uomini per lei. David si è concentrato con attenzione e ha scattato la sua prima foto.

Elaine era circondata da tutti gli uomini, la donna del gruppo era in qualche modo lontana.

Tutti gli uomini avevano già visto Elaine, ma c’erano ancora commenti di ammirazione che venivano fatti, “mostraci di più”. disse uno di loro.

Elaine sapeva che doveva.

Alzò la gonna corta.

David ha scattato un’altra fotografia, anzi, diverse fotografie.

“Di più, vogliamo vedere di più”. hanno detto diversi.

Elaine si chinò e si tirò giù le mutandine.

Elaine è stata scherzosamente schiaffeggiata sul sedere.

David ha fatto altre foto.

Le richieste sono state fatte per vedere le tette di Elaine.

Elaine si tolse lentamente il reggiseno esponendo i suoi bei seni 36DD. Elaine sorrise con orgoglio e il momento temporaneamente dimenticato’

Il gruppo si radunò più vicino, tutti gli uomini nudi, il loro compagno completamente vestito. Elaine si leccò le labbra a quella vista.

Prima uno e poi un altro le afferrarono i seni, li strizzarono, le tirarono i capezzoli. Elaine gemette.

Elaine sentì la gonna sollevarsi ancora una volta e le mani che le accarezzavano le guance del sedere. Una delle sue mani fu presa e fatta circondare uno dei galli che la circondavano. Uno degli uomini iniziò a sgroppare usando la sua mano come una fica di riserva. Mentre Elaine stava servendo uno degli uomini con la mano, ha sentito il primo membro entrare nella sua vulva, veniva spinto così in profondità. Indietro, avanti uno schema ritmico. Elaine si sentì bagnare. David ha fatto altre foto. Un altro del gruppo ora è entrato nella sua bocca, era stata costretta a mangiarlo. Un altro si unì a mettere la mano sul suo sedere, il suo dito indice trovò il suo bocciolo di rosa e le dita profondamente.

Il primo, sì, avevano tutti un nome ma cosa importava, afferrò Elaine per i fianchi e la attirò a sé profondamente, il suo cuore perse un battito quando fu scelto per essere il primo di Elaine. Era stato a metà squadra nell’ultima gangbang di Elaine ed era estasiato quando aveva visto le labbra della vulva di Elaine. Questi contrastavano con la vulva di sua moglie.

La prima di Elaine smise di spingere per un momento e scivolò fuori da lei mentre altri si avvicinavano pensando che fosse il loro turno. Il numero uno li fece sventolare via e sprofondando in ginocchio prese le labbra della fica di Elaine nella sua bocca e succhiò, per Elaine la sensazione era intensa e quando iniziò a gemere uno spesso sperma bianco colava dalla sua fica aperta. La lingua del numero uno serpeggiò fuori e iniziò a leccare Elaine per tutto quello che valeva. Dopo aver banchettato con Elaine, si alzò e continuò le sue spinte dentro di lei, forti e profonde. Elaine sentì la sua testa di membro crescere e sapeva cosa sarebbe successo dopo, lo sperma le riempì la fica aperta mandandole lo sperma in profondità nella pancia. Il numero uno si ritirò respirando pesantemente.

Prima che la sborra potesse fuoriuscire dalla fica di Elaine, il secondo ragazzo stava entrando in lei.

Con la vulva di Elaine sufficientemente bagnata da tutte le sue attenzioni, la prima si arrampicò tra le sue gambe e posò il suo membro contro l’apertura della sua fica. Stava per infilare il suo membro nella vulva di Elaine e con quello, ha iniziato a farsi strada facilmente. Gli ci sono voluti diversi tentativi per seppellire completamente il suo membro in lei. La pressione era incredibile. Nello stesso momento in cui si stava facendo strada nella sua vulva, uno degli uomini ha iniziato a venire nella bocca di Elaine. La tenne ferma e la costrinse a ingoiare tutto il suo sperma.

Nel frattempo, il mostro che scopa la vulva di Elaine ha preso il suo ritmo, spingendo dentro e fuori tutta la lunghezza del suo membro riempiendo la vulva di Elaine con il suo sperma caldo. Elaine sentì le convulsioni del suo membro mentre esplodeva dentro di lei.

Un altro uomo si arrampicò tra le sue gambe e iniziò a scoparla.

Elaine alzò lo sguardo e vide la signora della festa spogliata nuda, i suoi grossi seni rivelati. Il primo e il secondo di Elaine consistevano nell’eseguire il compito. Elaine poteva vedere gli uomini che le succhiavano i capezzoli. Ha sentito uno di loro dire “Dai Margaret, vogliamo vederti nuda”. e ha proceduto a rimuovere i suoi pantaloni larghi.

Il numero tre si staccò da Elaine e si fece un po’ indietro. Spessa sborra bianca ora usciva dalla fica allungata di Elaine. Il numero tre ne prese delle mazzette tra le mani e iniziò a spalmarlo sul bocciolo di rosa di Elaine.

E poi, dopo alcuni assalti con le dita, tuffò il suo membro nel suo sedere. Ha bruciato per un po’ e poi ha iniziato a sentirsi bene, la pressione era incredibile. Il numero tre si stava godendo il bocciolo di rosa di Elaine e ha iniziato a gemere abbastanza velocemente e poi è arrivato, spingendole dentro l’intera lunghezza del suo membro.

Elaine fu spinta sulle mani e sulle ginocchia, altri due uomini la tennero per le braccia. Poteva vedere Margaret che veniva condotta verso di lei. Margaret era distesa sull’erba davanti a Elaine, le gambe aperte. Elaine poteva vedere la vulva di Margaret.

“Leccalo”. le fu ordinato e la sua testa fu costretta a cadere tra le gambe di Margaret.

Tutti gli uomini hanno guardato mentre Elaine si esibiva su Margaret, leccandole il clitoride, facendo scorrere la lingua tra le labbra della fica di Margaret, leccando Margaret ancora di più fino a quando l’orgasmo di Margaret bagnò il viso di Elaine.

David guardava e fotografava dalla sua pelle mimetizzata, aveva scelto un posto ideale. Stava guardando la sua Elaine che veniva fottuta. Era duro e aveva bisogno di sollievo. La sua mano gli accarezzò il pene.

Margaret era stata condotta a breve distanza da Elaine che poteva vedere tutto quello che le era successo.

Elaine è stata girata sulla schiena, quindi ora sembrava che Margaret fosse australiana – veniva vista a testa in giù. Le gambe di Elaine erano tese e aperte, le gambe divaricate e si stava strofinando furiosamente il clitoride. Il numero quattro iniziò a leccarla prima che il numero cinque e il sei arrivassero tutti a sparare i loro carichi dappertutto. Numero quattro e poi si inginocchiò sull’erba davanti alla sua fica bagnata spalancata.

“Ho pensato che farei meglio a dargli un assaggio prima di scoparti.” Disse. “Amo leccare la vulva. Mi piace di più quando la donna mi sta istigando”.

“Sì, succhiami il clitoride.” e “Infila la tua lingua nella mia fica”. Erano due dei suoi preferiti, non passò molto tempo e lei gli stava venendo su tutta la faccia.

I seni di Elaine venivano accarezzati, le belle sfere rosa venivano palpate, i suoi capezzoli pizzicati, il suo bocciolo di rosa veniva toccato con le dita. Elaine gemette e gemette. David si stava masturbando.

Numero cinque-.

La sua bocca succhiò dolcemente ma con fermezza il suo seno sinistro e lei sentì la sua vagina inumidirsi mentre la bocca la allattava. Le mani sulla sua gamba destra le corsero su e giù dal piede al bacino ma senza toccarle la vagina anche se perdeva la sua eccitazione implorando il rilascio. Elaine ha cercato di costringere il suo corpo a smettere di tradirla, ma tutti questi intrusi anonimi non l’hanno permesso.

Le dita continuarono a pizzicare e tirare il suo capezzolo destro e lui sussurrò contro il suo orecchio. “Sì, è una brava ragazza, una brava ragazza cattiva. Ti piace il pensiero che tutti noi ti tocchiamo e ti scopiamo, vero?”

Scosse la testa in segno di diniego anche se l’odore della sua stessa eccitazione la colpiva. Sentì un profondo gemito lussurioso uscire dalla sua stessa bocca.

La bocca che le succhiava il seno sinistro gemeva insieme a lei e il suono la rendeva ancora più calda. Si dimenò mentre le mani scivolavano di nuovo sulla sua gamba destra verso la sua vagina aperta ed esposta; il suo bacino si sollevava dall’erba invitando le mani a invaderne il calore. Ancora una volta le mani si mossero intorno al suo sesso ma negarono il loro tocco.

Elaine poteva sentire i suoi succhi scorrere dalla sua vagina alla fessura del suo sedere. L’uomo al suo seno continuava a succhiare, ma ora gli aveva spostato la mano all’inguine. Elaine sobbalzò mentre lui posava il suo pene grosso e duro nel suo palmo. Voleva allontanarsi, ma la sensazione, il peso, la sensazione setosa contro il palmo e le dimensioni fecero sì che il suo corpo rifiutasse la sua mente. Si sentì iniziare ad accarezzarlo e si sentiva così dannatamente bene. Il membro era già enorme ma lei lo sentì tendere e crescere nella sua mano mentre lo afferrava.

Elaine deglutì a fatica. Le venne l’acquolina in bocca al pensiero di sentirlo scivolare tra le labbra della sua vulva e far scorrere la lingua intorno alla testa grassa che ora stava pizzicando tra il pollice e l’indice mungendo il precum da esso.

Poteva sentire il suo clitoride gonfiarsi e spingersi fuori dallo scudo di pelle. Le faceva male essere strofinata e la sua mano destra scivolò verso di essa solo per essere strappata via e inchiodata al pavimento.

L’uomo alla sua vulva le abbassò il sedere sull’erba e lei sentì un lungo membro sfregare su e giù per la sua fessura calda. Si contorceva cercando di infilare il membro nella sua passera calda ma l’uomo si rifiutava di impalarla continuando a strofinarle contro il clitoride facendolo bruciare di desiderio.

Le bocche del suo bocciolo di rosa e della sua fica continuarono a sollecitare e ora qualcuno stava anche spingendo 3 dita nella sua fica gocciolante e la sua fica ebbe uno spasmo e schizzò su tutta la mano, la bocca e l’erba.

I suoi capezzoli dolevano di nuovo per il desiderio di attenzione e come se potessero leggerle la mente all’istante c’era una bocca su ogni tetta. Il membro ora stava allargando le labbra della sua vulva mentre entrava nella sua fica bagnata e cremosa. Era su e giù dentro di lei. Le gambe di Elaine tremavano a ogni spinta.

Come era finita in questa situazione? Come ne sarebbe uscita? Il ritmo si stava facendo più veloce. Elaine si sentiva pronta a venire, anche dopo quello che aveva passato quella mattina. L’effetto delle sue palle che sbattevano sul suo sedere e la sua asta dentro di lei la stava facendo eccitare di nuovo.

Elaine gemette forte e cercò di allargare le gambe per prendere il membro più a fondo. Sentì l’ondata di sperma dentro di lei, dentro di lei e rimase immobile, con gli occhi chiusi, il respiro pesante e sdraiata sull’erba. L’uomo si ritirò lasciando una scia appiccicosa dalla sua fica aperta sul sedere. Era il primo o il secondo o il terzo uomo che si chinava per ripulirla con la lingua. La sua lingua arrivò in profondità dentro di lei leccandole via tutto lo sperma dalla sua vulva. Elaine era troppo esausta per muoversi. La sua lingua solleticò di nuovo il suo bocciolo di rosa, leccandolo in profondità per rimuovere tutte le tracce di sperma. La leccata gentile stava rilassando Elaine.

La leccata cessò e lei lo sentì allontanarsi. Le sue gambe erano ancora spalancate, il dilaniamento dei suoi seni si fermò.

Elaine aprì gli occhi e sussultò. Salutarla da una distanza ravvicinata era come un membro di dieci pollici. Elaine ricordava dall’ultima volta, ma sicuramente non era COS grande. Elaine piagnucolò mentre il numero sei si inginocchiò tra le sue gambe e strofinò la testa del suo membro tra le labbra della sua vulva. Elaine piagnucolò di nuovo mentre il primo pollice entrava dentro di lei. La sua lunghezza era pari alla sua circonferenza. Un altro pollice, poi un altro, poi un altro a dieci pollici Elaine stava urlando, il suo sedere che si sollevava dal pavimento mentre cercava di scappare. Le prese le mani e le tenne sopra la sua testa, la sua bocca sul suo seno destro mentre iniziava a muoversi lentamente su e giù dentro di lei. Elaine ha cominciato a sborrare e sborrare e sborrare. Era uno sperma continuo. Si sentiva come se stesse per esplodere, non c’era nessun posto dove andare per il suo sperma. Le dimensioni del numero sei significavano che era completamente piena. Aumentò il passo e ad ogni spinta la penetrava un po’ più a fondo. Presto le sue palle stavano rimbalzando sul sedere di Elaine e lui poteva sentire il suo grembo alla fine del suo membro. Elaine aveva sopportato questo assalto per trenta minuti, la sua fica si era allargata per prendere la sua taglia, poi lui era andato più in profondità, lei si era allargata. Le sue palle erano piene e lei non poteva più espandersi mentre lui raggiungeva l’orgasmo. Elaine artigliava il terreno mentre lui si contorceva dentro di lei assicurandosi che tutte le pareti della sua fica fossero ricoperte di sperma. Rimase lì a riprendere fiato, il membro ancora dentro Elaine che giaceva lì tremante. poi lui era andato più in profondità, lei si era allargata. Le sue palle erano piene e lei non poteva più espandersi mentre lui raggiungeva l’orgasmo. Elaine artigliava il terreno mentre lui si contorceva dentro di lei assicurandosi che tutte le pareti della sua fica fossero ricoperte di sperma. Rimase lì a riprendere fiato, il membro ancora dentro Elaine che giaceva lì tremante. poi lui era andato più in profondità, lei si era allargata. Le sue palle erano piene e lei non poteva più espandersi mentre lui raggiungeva l’orgasmo. Elaine artigliava il terreno mentre lui si contorceva dentro di lei assicurandosi che tutte le pareti della sua fica fossero ricoperte di sperma. Rimase lì a riprendere fiato, il membro ancora dentro Elaine che giaceva lì tremante.

David aveva usato quattro schede di memoria nella sua macchina fotografica e aveva resistito alla tentazione di fermare quello che stava succedendo alla sua cara moglie, ma era così eccitato che non poteva.

Con la coda dell’occhio vide apparire nella radura un cagnolino seguito da un uomo e una donna. David si chiese cosa avrebbero pensato, sei uomini nudi, una donna sul pavimento ovviamente fottuta e un’altra donna spogliata. Si sono mossi per andarsene, ma uno degli uomini si è avvicinato alla coppia per parlare con loro.

La moglie/fidanzata/qualunque cosa del nuovo arrivato non riusciva a staccare gli occhi dai membri che ora la circondavano. Ci furono molti cenni e sguardi verso Elaine. Elaine li vide e cercò di strisciare via nascondendo il viso. Sembrava che fosse stato raggiunto un accordo e mentre la donna appena arrivata veniva portata via gemendo “No – Nooooo”.

L’uomo si diresse verso Elaine che era ancora sulle sue mani e sulle sue ginocchia. Si spogliò rapidamente dei suoi vestiti e prendendo il suo membro in mano lo posò sulle labbra della vulva fradicia di Elaine. Ha spinto. Elaine gemette. Ha spinto più a fondo. Elaine gemette di più, non per la sua stazza, era nella media o nella media, ma perché questo era un altro uomo che stava per avere una conoscenza carnale di lei. Si tirò fuori, poi prese di mira il bocciolo di rosa di Elaine ed entrò in lei. Elaine non era più stretta, aveva avuto l’anale prima ma la sua asta che entrava dentro di lei era enorme. Tirò fuori e rientrò nella sua vulva. Continuò così per un po’ guardando cosa stava succedendo alla sua amica.

Era stata condotta un po’ lontano da Elaine circondata da quattro uomini, il suo maglione era stato tolto e il reggiseno le era scivolato dalle spalle. I suoi grossi seni pendevano seducente dal suo corpo. Presto le bocche stavano succhiando i suoi capezzoli marroni.

La sua gonna era stata sollevata e le mani erano dentro le sue minuscole mutandine, le dita che combattevano sul suo clitoride. Stava ancora gemendo “No, non devi.” mentre il suo primo climax la colpiva. Le sue mutandine erano inzuppate.

Sono stati rimossi lentamente rivelando una vulva molto pelosa.

L’uomo sette sapeva quanto fosse meraviglioso essere dentro di lei.

Raddoppiò i suoi sforzi in Elaine, non volendo più condividere la sua ragazza. Era troppo tardi. Prima uno poi l’altro era dentro di lei. Le sue urla echeggiarono nella radura. Un terzo e poi un quarto. Aveva solo tre amanti nella sua vita, ma ora era stata presa quattro volte in meno di un’ora. Si stava godendo la sensazione.

L’uomo sette era ora pronto per l’orgasmo, se lo avesse fatto nel suo sedere o nella sua fica. La sua fica ha vinto e lui ha spruzzato il suo sperma dentro Elaine.

Si è tirato fuori ed è corso per confortare la sua ragazza ma invece di confortarla ha infilato il suo membro bagnato dentro la sua vulva e ha cominciato a scoparla tra gli applausi degli altri uomini.

La sua ragazza iniziò a piangere. Svuotò il suo sacco esaurito dentro di lei. Cadde in ginocchio per aiutare la sua ragazza a rimettersi le mutandine ma non poteva non notare i flussi di sperma che uscivano dalla sua vulva. L’aiutò con il reggiseno, i suoi capezzoli erano duri sia per la fresca brezza che per la suzione che avevano ricevuto. L’ha aiutata con la gonna, almeno il suo sedere non era stato scopato. Qualcosa per dopo, pensò.

Poi il suo maglione e il cappotto. Mentre scivolavano via il cane li seguì.

David aveva scattato molte fotografie. Forse qualcosa che potrebbe usare in seguito.

Nel frattempo, tutta l’attenzione degli uomini era di nuovo su Elaine.

Elaine era sdraiata sull’erba esausta, era stata beccata sette volte nel corso di quattro ore. Era dolorante per le imprese di oggi e per la scopata di David la sera prima. Aprì gli occhi e gemette interiormente. Sei uomini erano intorno a lei, pensava che stessero arrivando tutti per secondi.

Rimasero intorno a lei con i loro membri in mano e iniziarono a masturbarsi su Elaine.

La sborra le schizzava il viso, gli occhi, in bocca, sui seni e sulla vulva, era coperta. Mentre ogni uomo raggiungeva l’orgasmo, si allontanava per vestirsi. Quando l’ultimo uomo ha spruzzato lo sperma sul viso di Ellaine, Margaret è arrivata e si è fermata con le gambe ai lati della testa di Elaine. Piegò le gambe e lentamente mise la vulva sulla bocca di Elaine. Margaret ha spalancato le gambe e tutto lo sperma che si era depositato nella sua fica è gocciolato nella bocca di Elaine.

Margaret si alzò e con le gambe ancora aperte sulla testa di Elaine iniziò ad alleviare la pressione nella sua vescica.

Margaret si allontanò, parzialmente vestita e lasciò con gli altri un dildo tenuto tra le sue gambe da due degli uomini. Quante volte sarebbe stata portata davanti al parcheggio Elaine poteva solo immaginarlo.

Elaine è rimasta sola e ha cominciato a piangere.

Il cuore di David si sciolse e stava per uscire allo scoperto quando vide un movimento con la coda dell’occhio.

Anche un uomo si era nascosto tra i cespugli. David lo ha riconosciuto come il suo/loro fotografo di matrimoni. Aveva con sé anche la sua macchina fotografica.

Cominciò a prendere primi piani di Elaine, i suoi capezzoli, la sua fica aperta e allungata, il suo bocciolo di rosa spalancato. Elaine era semicosciente mentre il fotografo scattava le sue foto. Per non perdere un’occasione, Ian tirò fuori il suo membro e iniziò a scopare Elaine con carezze lente e languidi, accarezzandole i seni e pizzicandole i capezzoli.

Elaine si lamentò – “Non più – ce ne sono stati così tanti”. implorò, ma ora non oppose resistenza mentre lui traeva piacere dal suo corpo.

“Te l’avevo detto che ti avrei avuto di nuovo.” disse a Elaine: “Ancora e ancora e ancora”. Ha raggiunto l’apice mandando sperma caldo nella fica in attesa di Ellaine. Non era abbastanza mentre continuava a cavalcarla – facendola gemere – rendendolo di nuovo duro.

Su e giù senza sosta.

Elaine voleva che smettesse, ma non lo fece. Lui non poteva.

Lo sperma fertile bolliva nelle sue palle e poi finalmente un secondo climax che riempì Elaine.

Rotolò via e iniziò a filmare la sua sborra lasciando la vulva di Elaine.

Non aveva finito e girò Elaine sulle sue ginocchia e le allargò il sedere. Lo aveva già fatto prima, ora era il suo momento di farlo di nuovo.

Elaine gemette mentre entrava nel suo passaggio anale pieno di sperma. Cominciò a cavalcare su e giù dentro di lei, i suoi seni rimbalzavano avanti e indietro. Il sedere di Elaine veniva di nuovo allungato.