telefono erotico – Racconti erotici -Jason torna in città

telefono erotico – Racconti erotici -Jason torna in città

31 Dicembre 2021 Off di tarocchirichiesta

Racconti erotici -Jason torna in città

racconti erotici - telefono erotico - linea erotica

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

“Spero quindi che i lettori di questo account apprezzino l’esperienza. Mi piace leggere i commenti di uomini e donne”.

Si tratta della nostra prima esperienza che condivide con me. Ha preceduto la nostra vita molto stabile di lavoro, figli e prendersi cura dei genitori.

Circa quattro anni dopo che ci siamo laureati, Jason, il compagno di stanza di Alan prima che ci sposassimo, si è fermato per una visita al ritorno da una conferenza. Non avevamo praticamente visto nessuno del nostro gruppo universitario dalla laurea. La maggior parte si è trasferita nella propria vita. Alan aveva completato la scuola di legge ed era un avvocato che lavorava e io ero un insegnante di seconda elementare nel sistema scolastico pubblico

Alan e Jason si erano tenuti un po’ in contatto anche se Jason si era trasferito in diversi stati per lavoro. Non lo avevamo visto nell’intervallo. Aveva avuto un matrimonio breve, che si era concluso rapidamente con un divorzio, ma era ancora una cosa da amici.

Alan ha ricevuto un’e-mail che informava che Jason sarebbe tornato da una conferenza e sarebbe stato indirizzato al nostro aeroporto. Era solo una sosta di un paio d’ore, ma Alan gli suggerì di restare con noi e di partire il giorno dopo per tornare a casa. Potrebbe interrompere il suo viaggio e noi potremmo recuperare un po’.

Se hai letto la mia prima storia, sai che sono uscito con Jason, prima di Alan, e mi sono divertito a dargli un pompino diverse volte. Sembra che avrebbe riferito ad Alan dopo ogni appuntamento con un rapporto sui progressi!!!!

Jason e io non siamo mai stati altro che amici con benefici limitati, quindi quando ha iniziato a uscire con uno dei miei coinquilini e io ho iniziato a vedere Alan su base molto regolare andava bene per entrambi.

Alan è diventato rapidamente più di un amico e abbiamo goduto di tutti i vantaggi. Sapevo che Jason avrebbe goduto di tutti i vantaggi dal mio compagno di suite. Era solo un po’ più libera di me in quel momento.

Alan mi ha detto che quando ha suggerito a Jason che voleva uscire con me, Jason gli aveva detto che sperava che Alan avesse avuto più fortuna con me di quanto non avesse avuto. Egli fece.

Penso che sia Alan che io avevamo, in fondo alla nostra mente, pensato che la visita di Jason potesse trasformarsi in qualcosa di più di una semplice cena e di un posto dove dormire. Avevamo una vita sessuale fantastica all’epoca e dopo l’e-mail di Jason, Alan continuava a dire quanto fosse eccitato quando Jason gli ha detto dei pompini che avevo fatto a Jason. Abbiamo chiamato uno dei nostri dildo Jason, e il nostro sesso di solito diventava sesso a tre con Jason, incluso il dildo.

Jason (quello umano) non è arrivato per diverse settimane, quindi abbiamo sviluppato la fantasia abbastanza a fondo ed entrambi abbiamo appena capito che avremmo praticamente lasciato che la nostra riunione prendesse la sua direzione. Potrebbe includere me che fotto Jason per la prima volta. Onestamente, pensavo che probabilmente avrei succhiato di nuovo Jason. Questa volta con Alan che guarda. Non ero stato fottuto da nessuno a parte Alan dopo la spiacevolezza del liceo menzionata nella prima storia.

Alan ed io abbiamo fatto una bella sessione la sera prima dell’arrivo di Jason, eravamo entrambi molto preparati per il nostro primo trio. Non avevamo affatto menzionato le nostre aspirazioni a Jason. Non avevamo idea di cosa avesse in mente per la nostra riunione, tranne per il fatto che aveva detto ad Alan di aver prenotato per la cena in un ristorante molto carino sulla strada dall’aeroporto a casa nostra!

Alan è tornato a casa un po’ tardi il giorno in cui dovevamo andare a prendere Jason ed io ero già sotto la doccia, è saltato dentro ed era già duro. Ho giocato un po’ da quando sono tornato a casa, quindi ero dell’umore giusto per una sveltina prima di partire per l’aeroporto. Mi chinai e tenni il maniglione. Alan è scivolato dentro di me senza problemi. In circa cinque colpi si è tirato fuori e mi ha sparato un carico enorme sulla schiena. Mi baciò il collo e disse che voleva che fossi gentile e fresca per qualunque cosa fosse successa più tardi la sera. Quella è stata la mia prima vera impressione che pensasse che Jason potesse scoparmi. Da quel momento mi è diventato impossibile concentrarmi. Ero contento che Alan avrebbe guidato fino all’aeroporto! Mi stavo davvero innervosendo.

Ero in mutande quando Alan è uscito dal bagno e ha iniziato a vestirsi. Non avevo pensato a nessuna mutande, ma sapevo che ci sarebbero volute almeno tre ore prima di tornare a casa, compreso l’aeroporto e la cena. Ho indossato un paio di slip bikini sensibili con una fodera “giorni leggeri”. Quando sono arrapato come allora, tendo a lubrificare molto. Oltre a ciò, ho indossato una gonna corta alla moda. Le mie gambe erano ben abbronzate e rasate molto bene, come ovunque tranne un piccolo triage che mostrava la strada, sopra la mia vulva. Faceva davvero troppo caldo perché qualsiasi tipo di giacca mi coprisse nelle luci brillanti dell’aeroporto, quindi ho optato per una blusa marrone, di seta, con i bottoni sul davanti che aveva un po’ di consistenza. Sotto c’era un reggiseno molto leggero, ma leggermente visibile. Ho i capezzoli molto evidenti, quindi gli abbaglianti non sono stati oscurati, ma piuttosto oscurati.

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Dato che in realtà ci siamo goduti il ​​trambusto del nostro terminal dell’aeroporto internazionale, abbiamo deciso di arrivare un po’ presto e aspettare Jason nel terminal. Abbiamo parcheggiato nel parcheggio a breve termine e abbiamo percorso la breve distanza fino al terminal. All’interno, controlliamo

ha preso il volo di Jason ed era in ritardo di soli quindici minuti, il che significa che avevamo ancora un’ora per vedere ed essere visti. C’erano un sacco di giovani uomini d’affari in viaggio, ed entrambi abbiamo apprezzato l’aspetto che ho ricevuto.

Dopo che il volo di Jason è atterrato, i passeggeri hanno impiegato circa venti minuti per sbarcare, e poi ho visto Jason – lo stesso ragazzo va bene, solo quindici libbre in più di lui! Ancora non male. Era molto in forma l’ultima volta che l’avevo visto. Alan era andato a prendere la macchina quando era stato annunciato che il volo era a terra. Jason e io ci siamo abbracciati in modo un po’ riservato mentre ci incontravamo. Il suo unico bagaglio stivato era tra i primi sulla giostra, quindi siamo partiti in fretta. Alan stava arrivando al terminal quando siamo usciti. Jason ha aperto la portiera posteriore, ha buttato dentro la borsa e la valigetta, ed è saltato dentro. Bene, questo ha riempito il sedile posteriore. Sono arrivato davanti. Probabilmente era altrettanto bene dato che era quasi ora per la nostra prenotazione per la cena.

Quando siamo arrivati ​​al ristorante, era diventato ovvio che Jason non aveva idea di essere stato oggetto di fantasie sessuali per me e Alan. Alan ha parcheggiato l’auto vicino all’ingresso e abbiamo messo le borse di Jason nel bagagliaio. Mentre ci avviavamo verso la porta, Jason e Alan erano davanti a me a chiacchierare e io mi sentivo come una terza ruota. Non è affatto quello che mi aspettavo! Ero quasi imbarazzato da ciò che i miei pensieri erano stati poco prima.

Il ristorante è stato un piacevole cambiamento dal terminal dell’aeroporto. C’era un pianista che suonava molto piano nella stanza principale ed eravamo seduti in un separé sul retro. Le luci erano abbastanza basse che le candele del tavolo fornivano la maggior parte dell’illuminazione per la cabina. Anche se la stanza era abbastanza grande, dava una sensazione di intimità.

Quando il cameriere è arrivato ha chiesto di ordinare da bere, Jason ha fatto un cenno verso di me. Ho deciso per un intruglio di rum suggerito dal cameriere. Alan ordinò acqua con limone. Non l’ha fatto, e non beve e non guida. Ha spiegato molte volte quanto sarebbe dannoso per un avvocato emergente ottenere un DWI. Jason ordinò il suo nuovo preferito, lo scotch single malt, liscio.

Dopo aver ordinato le bevande, mi sono scusato nella stanza della signora. Sebbene il mio ardore fosse stato sostanzialmente ridotto, avevo ancora speranza. Ho fatto i miei affari e forse mi sono soffermato un po’ più a lungo sul mio clitoride del necessario. Poi ho pensato, che diavolo. È piuttosto buio a tavola. Né io, né Alan era probabile che fossimo riconosciuti, e nessuno della nostra cerchia sociale era probabile che fosse in questo ristorante. Mi sono tolto la camicetta e il reggiseno, ho messo il reggiseno nella borsa, e ho rimesso la camicetta, e l’ho infilata un po’ più stretta.

Uscendo dal box, mi sono lavato le mani e, per un attimo prima di uscire, ho ammirato i miei capezzoli nel loro stato di eccitazione leggermente rialzato.

Tornati al tavolo, le bevande erano arrivate. Jason era a metà del suo. Ho iniziato a sorseggiare il mio mentre raggiungevamo un po’ e esaminavamo il menu. I ragazzi avevano ordinato una selezione di antipasti. È arrivato poco dopo che io e Jason abbiamo finito i nostri drink. Jason ha ordinato un altro giro per entrambi. Entrambi abbiamo allattato il nostro secondo turno attraverso la nostra selezione di menu. Non avevo finito la metà del mio secondo turno da allora. Jason era pronto per un terzo scotch. Ho iniziato a pensare che si sarebbe ubriacato e sarebbe andato subito a letto quando fossimo tornati a casa. Poi ho notato che mentre la maggior parte della conversazione era tra Jason e Alan, la maggior parte del contatto visivo era tra Jason e il mio seno. È stato anche bello che il cameriere fosse molto attento al nostro tavolo. Mi è sempre piaciuto avere un bel seno!

La cena è proseguita in modo molto gentile e civile, più o meno allo stesso modo. Lo amavo. Jason aveva visitato il bagno verso la fine e apparentemente si era preso cura del conto. Fece un cenno al cameriere e poco dopo arrivò la ricevuta. Mentre Jason era lontano dal tavolo, Alan ha suggerito che sarebbe stato carino se fossi tornato a casa sul sedile posteriore con Jason. Quindi, mio ​​marito era ancora fiducioso.

Con il conto gestito, Alan si è scusato e mi ha lasciato solo con Jason. Il quale, per fortuna, non era ubriaco, ma piuttosto sotto l’influenza di qualcosa. Stava guardando apertamente i miei capezzoli. Ne ho sfiorato uno leggermente con la punta delle dita e ho chiesto: “Ti piacciono ancora questi, vero?”. In realtà arrossì. Alan lo ha salvato tornando.

Tornati in macchina, stavamo riprendendo il copione. Alan e Jason erano sul lato del guidatore della macchina e Alan aprì le portiere. Jason scivolò dietro da quel lato e io entrai da destra. Jason aveva guadagnato qualche chilo dall’università, ma niente più disinvoltura di modi. È stato un momento imbarazzante. Non si aspettava che mi unissi a lui dietro.

Alan ha goduto per un po’ dell’imbarazzo del suo vecchio amico, poi, guardandosi allo specchio, ha detto: “Jason, ricordi di aver fornito i dettagli dettagliati di quando tu e Cynthia vi siete frequentati?” (Sì, intendeva il gioco di parole.) Ancora una volta, Jason era senza parole. Ha solo annuito e poi ha detto: “oh, lo voglio”. Alan ha risposto: “felicemente, spero”. Un altro cenno e poi silenzio. Quindi, ho spostato la mano sull’inguine di Jason. È stato

non proprio difficile, ma ci stava arrivando. Alan si guardò di nuovo indietro e disse che pensava fosse una buona notte per prendere le strade secondarie verso casa. All’uscita successiva, imboccò l’interstatale.

Ho dato a Jason un paio di carezze e poi sono andato a lavorare liberando il suo membro e le palle. Non riuscivo a vederli chiaramente, ma erano più o meno come li ricordavo. Il membro di Jason era solo di circa cinque pollici, ma era notevole per la circonferenza, non per la lunghezza. Aveva una notevole testa a fungo anche con un’asta così spessa. Le sue palle erano tirate su quando le ho liberate dai suoi pantaloni. Perfetto…. Slacciai la camicetta e strizzai i capezzoli nell’oscurità del sedile posteriore. Poi mi sono chinato e ho preso la testa del membro di Jason nella mia bocca.

Ha davvero riportato alla mente ricordi molto specifici. Il sapore del suo pre-cum, la sua grande quantità e come le mie labbra si adattano alla testa e intorno al suo bordo mi hanno riportato indietro nel tempo. La testa mi ha riempito la bocca. Lo tenni in bocca e accarezzai l’asta corta mentre gli tiravo le palle. Poi, all’improvviso, come ricordavo così bene, gli spasmi violenti e un’enorme quantità di sperma che mi riempivano la bocca quasi senza preavviso. Lo tenni in bocca finché non lo sentii iniziare ad ammorbidirsi. La maggior parte del suo sperma è sceso nella mia gola, ma ne ho tenuto un po’ in bocca e l’ho sentito e assaggiato per un momento. Poi, ho fatto qualcosa che Jason non aveva apparentemente incontrato prima. L’ho baciato con il sapore del suo sperma fresco in bocca. Poi mi ha scioccato, mi ha afferrato la testa e mi ha quasi succhiato la lingua.

Quando Alan ha annunciato che eravamo vicini al nostro quartiere, Jason si è dato un’altra stretta, ha rimboccato tutto e ha chiuso la cerniera. Penso che ci siamo divertiti tutti a tornare a casa.

Alan entrò nel garage, spense la macchina e chiuse la porta del garage. Uscimmo tutti alla luce del garage. L’attenzione di entrambi i ragazzi era su di me. Non mi ero riabbottonata la camicetta e il mio seno ondeggiava felicemente mentre facevo il giro della macchina. Ho già detto che mi piace avere un bel seno?

All’interno, abbiamo indicato il bagno più vicino a Jason. Alan ed io siamo andati da quelli che normalmente usavamo al piano di sopra. In cima alle scale, Alan si voltò verso di me e si chinò. Mi ha dato uno dei suoi migliori baci mentre accarezzava un seno nudo. La notte era giovane. Andammo nei nostri rispettivi bagni. Ho colto l’occasione per pulirmi a fondo, e per afferrare qualche carezza con un dildo che tengo lì in un posto speciale. Mio Dio, ero bagnato. Il blocco dei giorni di luce era stato un’ottima aggiunta. Ho tolto le mutandine e l’imbottitura e ho indossato un nuovo paio di mutandine.

Quando ci siamo riuniti, Alan ha suggerito di scendere nella sala ricreativa al piano inferiore. Avevamo un bar con una buona selezione di liquori, vino e birra. Inoltre, un tavolo da biliardo e due divani componibili di fronte a una grande TV. Un mezzo bagno completa lo spazio.

Jason si è spostato dietro il bancone e ha notato che avevamo dei buonissimi single malt scotch. Alan, ovviamente, stava già tirando fuori gli occhiali per noi.

Avevamo un grande cortile con un recinto di privacy di sei piedi che lo circondava completamente. Sul cortile si aprivano due porte-finestra dotate di vetro unidirezionale. Alan versò lo scotch a Jason e a se stesso. Mi sono fatto un uccello giallo. Dopo aver bevuto qualcosa, Alan si avvicinò al muro vicino alle porte e accese le luci esterne. Dava la sensazione che fossimo fuori. Ha anche abbassato le luci interne a un livello che ha reso quella sensazione ancora più reale.

Eravamo tutti seduti sui divani con Alan su uno di fronte a Jason e io sull’altro. Jason era al quarto drink della serata, io al terzo, e Alan stava quasi per finire con il primo. Eravamo tutti di umore molto sessuale. Non mi ero riabbottonata la camicetta da quando siamo tornati a casa. Questo aveva mantenuto l’attenzione di Jason. Dopo una di quelle pause imbarazzanti nella conversazione, Alan ha chiesto a Jason se pensava ancora che io facessi la testa migliore del mondo. Jason arrossì di nuovo e scosse la testa con vigore.

Alan ha iniziato una storia su come una volta, quando Jason mi aveva riportato nel loro appartamento, si era addormentato nella sua stanza. La porta era aperta, ma le luci erano spente. Ha detto che il rumore di noi che entriamo lo ha svegliato, ma quando si è reso conto di cosa stava succedendo ed è arrivato alla porta ero già in topless e stavo a cavalcioni su Jason e lo cullavo. Ha detto che poi sono sceso sotto lo schienale del divano e lui non mi ha potuto vedere. Ha detto che, quindi ora, mi aveva sentito succhiare Jason due volte, ma non l’aveva mai visto.

Ero abbastanza vicino a Jason per allungare ancora una volta sopra e accarezzare il suo membro nei pantaloni. Era già abbastanza duro. Jason si chinò e prese il mio seno, lo strinse e tirò il capezzolo, potevo sentire il mio inguine iniziare a sollevarsi, poi Jason tirò via la mia mano dal suo membro e rotolò verso di me raggiungendo il mio inguine mentre lo faceva. Era sul divano ora a succhiarmi il capezzolo e ho sentito la sua mano sulla mia coscia, proprio accanto alla mia vulva, ha abilmente messo il pollice sotto le mie mutandine e sopra il mio clitoride. Quando ha iniziato a far rotolare lentamente il mio clitoride con il pollice, io

sentii la sensazione crescere e in pochi istanti emisi il piagnucolio di un orgasmo preliminare. Siamo partiti alla grande. Jason tuffò il pollice in me e fu ricompensato da un altro lamento. L’ha tenuto lì per un po’ e io mi sono abbassato un po’. Non volevo interromperlo.

Si avvicinò a me e mi baciò. Aveva imparato molto. Si è spostato in una posizione tra le mie gambe e ha raggiunto sotto e ha ottenuto quello che sembrava tre dita dentro di me con il pollice che premeva sul mio clitoride. Ruotavo involontariamente il bacino per il piacere. Mi ha dato una bella stretta vaginale e ha iniziato a scendere lungo il mio collo con baci e leccate. È stato molto meglio dell’ultima volta che siamo stati insieme!

Mentre si avvicinava al mio seno, potevo vedere sopra di lui. Alan si era tolto i pantaloni e stava accarezzando il suo bel cazmembrozo mentre guardava sua moglie essere divorata dal suo vecchio amico.

Jason si alternava tra i miei seni, succhiando un capezzolo mentre pizzicava e tirava l’altro. Stava premendo la sua pancia contro il mio inguine e io lo stavo facendo a pezzi. In quello che sembrava proprio il momento giusto, ha iniziato a scendere di nuovo, baciando una leccata mentre camminava.

Ho guardato di nuovo Alan, non credo di averlo mai visto così lussurioso. Aveva smesso di accarezzarsi il membro e stava solo stringendo dolcemente le sue palle mentre guardava. Potevo vedere chiaramente il flusso di pre-cum formando una piccola pozzanghera nella parte superiore della sua mano.

Ho sentito Jason muovere le sue mani sotto il mio sedere e tirare delicatamente la mia gonna e le mutandine in un movimento mentre trovava il mio clitoride con la sua lingua. Ha arrotolato il mio clitoride con la sua lingua proprio come aveva fatto prima con la mia lingua. Stava facendo un ottimo lavoro stabilizzando le mie rotazioni pelviche abbastanza da mantenere la pressione sul mio clitoride. Improvvisamente, ha iniziato a succhiare il mio clitoride e la parte superiore della mia vulva. L’ho perso. Mi sono sentito spasmo più e più volte e Jason ha smesso di mungere il mio clitoride con la sua bocca e ha tenuto una pressione costante su di me. Aspettò che gli spasmi cessassero.

Si alzò e io caddi in ginocchio davanti a lui. Accidenti, aveva ancora i pantaloni. Ho armeggiato con la fibbia e la cerniera e alla fine li ho tirati giù. Ho preso il suo membro in bocca e ho iniziato a succhiarlo. Si staccò e si sedette sul divano per togliersi i pantaloni dalle caviglie.

Mi sono spostato rapidamente tra le sue gambe e ho dato una leccata al suo membro dalle palle alla testa e l’ho inghiottito. Poi ho capito che mi stavo muovendo troppo velocemente. Volevo che questo durasse. Mi sono rilassato e ho iniziato a strofinargli delicatamente la pancia e baciargli le cosce vicino al suo membro.

Mio Dio, lui era duro e io ero sexy, ma entrambi volevamo che durasse! Dopo alcuni istanti, ho sentito la mano di Alan correre lungo l’interno della mia coscia e poi solleticare e muovere il mio clitoride. Fece scivolare facilmente due dita dentro di me. Ho preso fiato e ho chiuso mentre lui iniziava a scoparmi lentamente con le dita. Avevo dimenticato che era nella stanza!

Jason ed io stavamo facendo un ottimo lavoro nel darci un taglio a vicenda. Si lamentava e si muoveva lentamente verso la mia bocca e io gemevo e leccavo e succhiavo dolcemente il suo membro e le palle.

Ho sentito Alan salire su di me e potevo sentire la punta del suo membro che premeva sulla mia vulva. Mio Dio, avevo caldo. Ad Alan piaceva stuzzicarmi con la punta del suo membro prima di entrarmi. Stava facendo un grande sport questa notte. Stavo cercando di far andare avanti Jason, ma non troppo lontano, ed ero sull’orlo dell’orgasmo per me stesso. Grazie, Alan, per non esserti sbattuto dentro! Volevo continuare così per un po’.

Alan ha spinto la lunghezza del suo membro contro la mia vulva, si è chinato sulla mia spalla e mi ha parlato dolcemente all’orecchio: “Cyn, piccola, vuoi scopare Jason?” L’ho fatto! Ho smesso di succhiare Jason e mi sono appoggiato allo schienale e ho baciato Alan. Mi tirò in piedi e mi accarezzò i seni mentre mi manovrava per mettermi a cavalcioni su Jason e iniziare ad abbassarmi sul suo membro. Alan mi ha stabilizzato e poi ha preso in mano il membro di Jason e l’ha guidato dentro di me.

Mio dio…. Ero già al limite. non potevo trattenermi. Quando ho sentito il grosso membro di Jason nella mia vulva, l’ho semplicemente sbattuto su di esso e ho sentito lo spasmo della mia vagina nell’orgasmo. Jason mi ha gobba molto forte diverse volte e poi si è irrigidito. Non so se riuscivo davvero a sentire il suo sperma spararmi dentro, ma sicuramente sembrava. Ci siamo congelati lì per diversi istanti. Lentamente, il mio orgasmo si è placato, ma Jason non si è afflosciato, non era così duro come prima, ma ho iniziato a farlo di nuovo lentamente. Ho posizionato i miei seni in modo che potesse accarezzarli e giocare un po’ con i miei capezzoli. In realtà l’ho sentito iniziare a indurirsi di nuovo. Riuscì a prendere uno dei miei capezzoli nella sua bocca. Cominciò a succhiarlo e addirittura a mordicchiarlo un po’ con le labbra.

Chissà come funzionano queste cose, ma all’improvviso ho voluto assaporare Jason in bocca. Mi sono rilassato e mi sono allontanato da lui. Potrei dire che aveva messo un grosso carico in me quando è uscito. Potevo sentirne un po’ scorrere lungo la mia coscia. Mi sono spostato indietro tra le sue gambe sulle mie ginocchia e ho preso il suo membro molto bagnato, e ancora una volta, molto duro nella mia bocca. Penso che fosse di nuovo completamente duro e ha iniziato a gobbarmi la bocca.

Improvvisamente, sono rimasto scioccato in

qualche altro stato. Alan era dietro di me e mi aveva schiaffeggiato bruscamente il culo. Lo sentii avvicinarsi alle mie spalle e avvicinarsi a me e iniziare a pizzicare entrambi i capezzoli.

Stava succedendo davvero!!! Jason ora mi teneva la testa e mi scopava letteralmente la bocca mentre mio marito era dietro di me a tirarmi e torcermi i capezzoli. Ho afferrato le palle di Jason con una mano e la base del suo membro con l’altra. Proprio quando ho ripreso il controllo della mia bocca, ho sentito Alan sbattere a tutta lunghezza nella mia fica. Wow, l’ho perso. Ho tirato forte le palle di Jason e ho preso la sua intera lunghezza e circonferenza nella mia gola. Tanta testa quanto avevo dato prima, questa era la prima volta che venivo arrostito. Ho sentito Jason iniziare a spasmi di sperma nella mia gola. Ho resistito alla tentazione di misurare, per lo più. Al terzo o quarto colpo di Alan si è irrigidito e mi è caduto addosso. Sono arrivato a ondate. Non credo di aver respirato affatto. Jason era completamente nel mio passaggio aereo e lo stavo premendo più a fondo.

Alla fine ho ceduto. Ho violentemente imbavagliato e tirato fuori. Sono semplicemente crollato su Jason. Alan si è tirato fuori da me più o meno nello stesso momento ed è crollato sulla mia schiena. Rimanemmo tutti e tre lì sdraiati per un minuto o più. Alan è stato il primo ad agitarsi, poi ho sentito Jason che mi strofinava la testa. Improvvisamente, lui e Alan hanno iniziato a ridere e Alan si è alzato e ha iniziato a sollevarmi sopra Jason per mettermi a sedere sul divano.

Ero totalmente esausto. Alan è andato dietro il bancone e ha preso degli asciugamani. C’era sperma su tutto il divano e sul pavimento. Perdeva ancora dalla mia vagina e sul divano dove ero seduto.

Alan mi ha sollevato un po’ e mi ha messo un asciugamano sotto e lui e Jason hanno asciugato lo sperma con altri due asciugamani. Mi scusai e tenendo l’asciugamano tra le gambe salii in bagno per urinare e ripulirmi un po’. Ho urinato e mi sono seduto sul vasino per qualche minuto in più per drenare più completamente lo sperma del ragazzo da me.

Dopo essermi ripulito, ho indossato un pigiama “sensato” e sono sceso al piano di sotto per raggiungere i ragazzi. Entrambi erano andati in bagni separati e si erano messi un po’ in ordine. Erano entrambi in altalena, quindi si erano vestiti per andare a letto e tutti i vestiti, compreso il mio, che avevano ingombrato la stanza erano spariti. I ragazzi stavano tranquillamente sorseggiando birra e guardando un gruppo di cervi al pascolo nel nostro cortile. Ho ricordato loro che anche se non era molto tardi, dovevamo alzarci tutti la mattina dopo per portare Jason all’aeroporto.

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato Alan sdraiato accanto a me che allattava il suo bel membro duro. Senza dire una parola mi girai al mio fianco e presi il suo posto. Ha spostato la mano sulle palle e ha iniziato a stringerle mentre io accarezzavo l’asta. Ha detto: “Amore mio ti sei divertito la scorsa notte? Sai che ora sei ufficialmente una “moglie sexy”. Non ci avevo pensato, ma in qualche modo sentire mio marito dire mi ha eccitato un po’ di più. Mi sono spostato su di lui e ho preso il suo membro nella mia bocca e gli ho dato diversi colpi lunghi e profondi, facendo rotolare la mia lingua intorno alla testa con ciascuno.

Mi sarebbe piaciuto continuare, ma sapevo che dovevamo portare Jason all’aeroporto, quindi dopo pochi minuti, mi sono girato sulla schiena e mi sono tolto il sedere e poi mi sono posizionato sopra l’asta di Alan e ho guidato quel bellissimo membro nella mia vagina e si tuffò su di essa. Ci sono voluti solo pochi colpi e l’ho sentito irrigidirsi e lasciarsi andare di nuovo. Mi afferrò i fianchi e mi tenne ferma sul suo v finché non lo sentii rilassarsi.

Mi ha tirato giù e ha detto: “Ho sentito la doccia di Jason andare. Abbiamo qualche minuto in più, perché non vai ad aiutarlo a prepararsi. Ci preparo la colazione.»

Mi sono alzato e il membro di Alan è scivolato fuori in un pasticcio appiccicoso. Il letto era bagnato sotto di noi. Mi chinai e lo presi in bocca per un ultimo colpo.

Ho attraversato la camera da letto di Jason e sono entrato nella vasca da bagno. Era sotto la doccia e potevo vedere attraverso il vetro che si stava accarezzando il membro. Ho detto: “Ehi, vuoi aiuto con quella cosa?” E ho aperto la porta. Sembrava un po’ sorpreso, ma presto si trasformò in un sorriso. Entrai, afferrai il maniglione e mi chinai. Jason ha strofinato la testa del suo membro sulle mie labbra vaginali un paio di volte ed è entrato completamente. Ero già molto bagnato dagli sforzi di Alan e dal suo sperma. Fedele alla sua forma, dopo forse 6 colpi pieni, ho sentito Jason irrigidirsi ed esplodere. Ero sveglio da meno di un’ora e avevo preso un grosso carico da due ragazzi diversi. Carino!!

Ho baciato Jason e gli ho detto che Alan era in cucina a preparare la colazione. Scese, si vestì e finì di fare le valigie. Sono rimasta sotto la doccia e mi sono semplicemente goduta il calore e l’acqua mescolata allo sperma che mi scorreva lungo le gambe. Quando sono sceso per unirmi ai ragazzi, la colazione era pronta e abbiamo mangiato. Dissi ad Alan che avevano bisogno di andare avanti e che avrei ripulito e avrei visto Alan tornare a casa più tardi.

Se ne andarono e dopo aver pulito, tornai di sopra a vestirmi. Mi ero messo le mutandine e la canottiera dopo essere uscito dalla doccia. Tornata nella nostra camera da letto, mi strofinai l’inguine e mi palpai le mutandine. Erano inzuppati di sperma fuoriuscito. Ero contento di non dover andare oh lavorare quel giorno!