telefono erotico – racconti erotici – Steve mi porta a teatro

telefono erotico – racconti erotici – Steve mi porta a teatro

31 Dicembre 2021 Off di tarocchirichiesta

racconti erotici – Steve mi porta a teatro

racconti erotici - telefono erotico - linea erotica

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

Questa è la continuazione delle mie avventure con Steve.

Se non hai letto le mie storie precedenti, Steve era un uomo divorziato che ho incontrato su Internet e abbiamo sviluppato rapidamente una relazione sessuale. Steve aveva una casa propria e lavorava da casa, quindi è stato molto facile incontrarlo quando mio marito viaggiava per lavoro.

Steve era più giovane di me e molto attraente. Aveva un lato da cattivo ragazzo e l’ho trovato estremamente eccitante. Steve spingeva i miei limiti sessuali che alimentavano la mia brama di eccitazione.

Col tempo Steve iniziò a dettare come voleva che mi vestissi per i nostri incontri. Certo, era sempre qualcosa di porco e sexy, ma ho giocato insieme perché non uscivamo mai in pubblico, quindi mi sentivo al sicuro. Ero diventato rapidamente il suo giocattolo sessuale… o era il mio?

Una sera sono arrivato a casa sua con indosso una gonna corta e una camicetta scollata…niente biancheria intima, tutto su sua richiesta. Mi ha informato che saremmo usciti questa sera in particolare. Ero molto preoccupato; essendo una donna sposata preferirei non essere vista in pubblico con un altro uomo particolarmente vestito come me. Mi ha assicurato che la nostra uscita sarebbe stata discreta e di fidarmi di lui. Si è rifiutato di dirmi dove stavamo andando perché è stata una sorpresa. Mi sono fidato di Steve e ho sentito un’ondata di eccitazione per la nostra avventura serale.

Si è fermato e ha parcheggiato in una parte squallida della città, ha aperto la mia portiera come il gentiluomo che era e gli ho tenuto la mano mentre uscivo dalla macchina. La mia mente stava correndo ora… cosa aveva in mente per me? Dove mi stava conducendo? Speravo non fosse un sex club.

Quando abbiamo girato l’angolo ho visto un cinema… un cinema per adulti. Si chiamava “Eva” e la “V” consisteva in due gambe femminili divise rivolte verso l’alto. Oddio, ho pensato. Avevo sentito parlare di posti come questo, ma non ero mai stato in un teatro per adulti.

Siamo entrati e ci siamo seduti a poche file dal retro. Il film era già iniziato e il teatro era praticamente vuoto tranne che per circa 10-15 uomini sparsi ovunque. Ho subito notato che ero l’unica donna, ben diversa dalle donne nel film.

Non passò molto tempo prima che mi sistemassi tra le braccia di Steve e iniziassi a strofinargli l’inguine attraverso i pantaloni mentre faceva gentilmente scorrere le mani sulle mie gambe nude. Non stavo prestando molta attenzione al film in quanto era solo un tipico film porno, ma i gemiti e i gemiti dell’audio mi stavano eccitando. Pensavo che il piano di Steve per me fosse di fargli un pompino in questo teatro volgare.

Ero arrivato al punto di liberare il membro di Steve dai suoi pantaloni e lo stavo accarezzando dolcemente quando ho sentito qualcosa dall’altra parte di me. Mi sono girato a guardare e c’era un uomo seduto accanto a me. Mi ha solo annuito mentre ci guardavamo negli occhi… che diavolo, ho pensato.

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Istintivamente ho ritirato la mia mano dall’erezione di Steve, ma Steve ha afferrato la mia mano e l’ha rimessa a posto.

“Va tutto bene, lascialo guardare”, fu tutto ciò che disse.

Ignorai l’uomo e continuai a strofinare delicatamente Steve sapendo benissimo che ero osservato. Era questo il piano di Steve? È stato allora che ho sentito il suono inconfondibile di una cerniera che veniva aperta. Ho dovuto voltarmi e guardare.

Non potevo credere ai miei occhi… questo sconosciuto accanto a me aveva il suo membro in mano e lo stava accarezzando. Mi rivolsi a Steve che aveva un grande sorriso sul viso, ovviamente divertito dalla mia sorpresa.

“Aiutalo”, fu tutto ciò che disse

“Cosa? Non posso semplicemente toccarlo… e se lui non vuole che lo tocchi?” ho sussurrato a Steve.

“Credimi, vuole che tu lo tocchi… vai avanti.”

Una scossa elettrica mi ha attraversato direttamente nella mia vagina mentre mi bagnavo all’istante. Questo è il motivo per cui amavo Steve, spingeva sempre i miei limiti sessuali. Era eccitante e audace, spingendomi a fare cose che non avrei mai nemmeno sognato nella mia vita reale.

Mi sono seduto dritto sul mio sedile e ho iniziato a guardare quest’uomo che si accarezzava con la coda dell’occhio. La sua mano si muoveva lentamente su e giù per l’asta. Potrei dire che era in uno schema di attesa.

Steve si chinò e disse: “Vai avanti, prendilo prima che sia troppo tardi”.

Ho sempre obbedito a Steve. Era parte del suo controllo su di me, parte del brivido.

La mia mano nervosa tremava mentre si posava sulla mia coscia. L’ho spostato lentamente sul sedile e gli ho sfiorato delicatamente il membro mentre lo accarezzava. L’uomo non sembrò obiettare, il che fu un sollievo. Ha emesso un basso gemito che ho interpretato come una luce verde per procedere.

Poi mi sono girato verso di lui e gli ho afferrato il membro mentre me lo porgeva. Quando ho iniziato ad accarezzarlo ho sentito Steve raggiungere e sbottonare la metà superiore della mia camicetta per dare a questo sconosciuto una buona visione dei miei seni tremolanti mentre lo accarezzavo. La mano di Steve cadde sulle mie cosce nude e iniziò lentamente a stuzzicare il mio clitoride sotto la mia gonna corta.

Tra il film porno e quest’uomo eretto, c’erano tutti i tipi di suoni eccitanti sessualmente. Chiusi gli occhi, lasciai ricadere la testa all’indietro mentre crollavo sul sedile. Steve ha inserito le sue dita nella mia bocca e ho succhiato e leccato i miei succhi da loro. La sua mano ha afferrato le mie tette e ha iniziato a spremere e giocare con i miei capezzoli. Ho continuato ad accarezzare l’uomo accanto a me.

Non passò molto tempo prima che sia l’uomo che io fossimo

gan respirando pesantemente e gemendo piuttosto forte. Ero così eccitato che ero sull’orlo di un climax come lo era lui.

Sentivo che stava per esplodere, quindi ho aperto gli occhi e mi sono avvicinato a lui per aumentare il ritmo. Adoro guardare un uomo eiaculare. Il suo membro aveva tutta la mia attenzione.

Fu allora che notai che due uomini si erano seduti nella fila davanti a me. Devono essersi trasferiti lì quando avevo gli occhi chiusi. Erano entrambi girati sui loro posti a guardarmi masturbare quest’uomo mentre Steve mi stava sditalinando. I loro volti erano vicinissimi e potevo sentirli respirare su di me.

Anche se non potevo vedere le loro mani dalla fila sopra, non c’era dubbio che si stessero masturbando.

Le mie tette ora erano per metà fuori dalla mia camicetta aperta e quest’uomo era sull’orlo come me. L’uomo accanto a me si allungò e afferrò il mio seno sinistro. Ho sentito la mano di Steve afferrare il mio seno destro. Riaprii brevemente gli occhi e mi resi conto che non era Steve, ma un uomo chino su di me dalla fila dietro di me. Non potevo vedere la faccia di nessuno, né volevo. Steve ha continuato a toccarmi e avevo perso il controllo.

All’improvviso l’uomo accanto a me emise un forte gemito e il suo carico sfrecciò attraverso la fila. Sono abbastanza sicuro che parte dello sperma abbia spruzzato i due uomini nella fila successiva. Ho continuato ad accarezzarlo finché non ha rilasciato tutto il suo carico.

Le dita di Steve erano ora profondamente dentro di me, i miei capezzoli venivano tirati e tirati da dio sa chi. I miei occhi rotearono nella parte posteriore della mia testa e ho avuto un enorme orgasmo. Mi rotolò addosso a ondate mentre gemevo e mi dimenavo per quella che sembrava un’eternità. Alla fine sono diventato debole disteso sul mio sedile, una gamba sopra la gamba di Steve, completamente esposto agli uomini intorno a me.

Come ho riacquistato la mia compostezza mi sono reso conto che stavo ancora tenendo il membro dell’uomo. Ho tolto la mia mano appiccicosa e uno degli uomini seduti di fronte a noi mi ha passato un Kleenex. Vedevo che entrambi gli uomini si stavano ancora accarezzando.

Mi sono girato verso Steve e aveva il sorriso più grande stampato in faccia. Mentre stavo pulendo e cercando di tenere chiusa la mia camicetta, i due uomini di fronte a me sono letteralmente saltati in piedi, si sono piegati verso di me e con un forte gemito mi hanno eiaculato addosso contemporaneamente. Ho emesso un breve grido di sorpresa mentre venivo inondato di un flusso dopo l’altro di sperma. Sui miei capelli, sul viso, sulla mia camicetta bianca, sulla mia gonna. Appena finirono, sentii un colpetto sulla mia spalla. Mentre mi giravo, l’uomo dietro di me che prima mi aveva tirato i capezzoli così forte mi ha lanciato un carico enorme su viso e capelli. Ero accecato quando mi ha preso dritto nell’occhio… di nuovo ho lanciato un breve strillo.

Steve si era ormai allontanato da me, ovviamente, vedeva tutto arrivare e non voleva essere nella linea di fuoco. Ero sia incazzato che scioccato; Non potevo credere a quello che era appena successo. Ho cominciato a gridare per un Kleenex.

Ho sentito la voce di Steve dire: “Smettila e lasciali guardare per un minuto”.

Ho preso un respiro profondo e ho aspettato pazientemente con gli occhi chiusi che Kleenex si ripulisse.

Quando finalmente mi pulii gli occhi, tutto quello che potevo vedere erano uomini intorno a me.

“OMG, questo è folle…”

Steve mi afferrò la mano e disse che era ora di andarsene prima che le cose sfuggissero di mano. Niente merda!

Quella è stata l’unica volta che sono stato in un teatro per adulti… Grazie, Steve.

Sei mai stato in un teatro per adulti? Hai mai preso una ragazza?