telefono erotico – racconti erotici – Una Rivelazione “I pericoli dell’abbandono”

telefono erotico – racconti erotici – Una Rivelazione “I pericoli dell’abbandono”

31 Dicembre 2021 Off di tarocchirichiesta

racconti erotici – Una Rivelazione “I pericoli dell’abbandono”

racconti erotici - telefono erotico - linea erotica

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

avrei dovuto sospettare. Mesi fa, c’era il flacone di lubrificante personale, nascosto discretamente sotto il contenuto che si incastrava nel cassetto del suo comodino. Certamente, non era lì per me. Quando scopiamo, ogni tanto adesso, è difficile entrare, tanto che la penetrazione può essere dolorosa. Comprensibile alla sua età, alla nostra età. Eppure il lubrificante non è mai uscito dal cassetto per migliorare il nostro fare l’amore.

Mi sono detto che era per il suo piacere personale. Come noi uomini inganniamo noi stessi.

Ora la verità è lì, così ovvia, nascosta in bella vista.

Il mio petto è stretto, il mio stomaco in nodi. La mia bella moglie.

Nel corso degli anni, mentre la nostra vita dentro e fuori dalla camera da letto era diventata più di routine, avevo gradualmente perso interesse. Oggettivamente, so quanto sia ancora attraente, come abbia mantenuto la sua forma; i suoi seni sono ancora sodi, il culo piacevolmente rotondo e senza alcun tipo di grasso. Dovrei devastarla in ogni occasione. Invece, ho costruito una seconda vita, murata, compartimentata. Masturbazione frequente. Un debole per il porno. Anche le occasionali scopate casuali mentre si è in viaggio per lavoro. Abbastanza per tenermi sano di mente e la mia libido sotto una parvenza di controllo.

Ora è tornato a perseguitarmi. Mi rendo conto del ruolo che ho avuto in questo. Non riuscire a soddisfarla. Una domanda mi strappa. È incapacità di soddisfare i suoi bisogni emotivi? O i suoi desideri sessuali? È solo un membro o è amore? Mi sento male.

Chiudo gli occhi e cerco di immaginarla, sdraiata qui sul nostro letto matrimoniale, le gambe avvolte intorno alla schiena del suo amante mentre lui la rivendica come sua. Non più mio.

Per quanto? Quante volte? Solo un uomo o una serie?

La mia immaginazione corre. Riesco a vedere il suo viso contorto in una squisita agonia. Posso sentire le sue urla mentre si lascia andare e si schianta sulle rocce della sua passione. La sento dimenarsi, le lenzuola aggrovigliate, le unghie che affondano nella sua schiena. Oh Dio, posso vederla baciarlo, profondamente, appassionatamente, sentirla gridare il suo nome, il preservativo – procurato ma ignorato nel calore della passione – ancora nel suo involucro

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

E all’improvviso, in mezzo al mio tormento, la vedo sotto una luce completamente diversa. Attraente, sì, ma sexy. Sessuale. Una bestia interiore, perfino una sgualdrina, una che sono stato incapace di scatenare, impotente a soddisfare. Un torrente di emozioni mi strappa. Tristezza intensa. Gelosia. Rabbia. Colpevolezza. Inadeguatezza.

E lussuria. La vedo ora, nuda, in piedi proprio qui nella nostra camera da letto, il luogo dove sono stati concepiti i nostri figli. Desiderio nei suoi occhi mentre la prende tra le sue braccia, il suo membro eretto in risposta alla sua bellezza. La vedo cadere in ginocchio e prenderlo in bocca, prima con cautela e poi con più sicurezza, aggressività, fame. La vedo sdraiata sul letto, le gambe aperte, pronta per lui. Immagino che sia la prima volta, quando supera volentieri il limite. Sento il forte respiro del suo respiro mentre lui scivola dentro di lei. Il punto di non ritorno. Senza dubbio sono lontano dalla sua mente mentre prende il piacere e l’appagamento che ha meritato così a lungo.

Improvvisamente mi rendo conto che il mio membro è fuori, la mia mano lo accarezza dolcemente. È duro come una roccia, molto più difficile di quando sono con lei. Il mio respiro è affannoso mentre la mia immaginazione continua a correre. Pazzo di dolore e desiderio, mi spoglio nuda e mi stendo dalla sua parte del letto, proprio nel punto in cui lui ha affermato di possedere il suo corpo, la sua mente, la sua anima. Mi giro e nascondo il viso nel piumone, inspirando profondamente, struggendo per qualche prova sensoriale del loro accoppiamento: il suo profumo, il suo profumo, il loro profumo.

Il mio membro preme contro le lenzuola, nel punto in cui il suo culo ha premuto con il suo peso sul suo. Infuria con un’intensità che mi spaventa. Rotolo indietro, la calda panna che si riversa sulla mia pancia. Raggiungo il comodino e tiro fuori la bottiglia, ne verso una generosa porzione sul mio membro turgido e comincio ad accarezzare, prima lentamente, poi aumentando di intensità.

Immagino che lui grida il suo nome mentre si svuota nel suo grembo ricettivo, e lei risponde con qualcosa – ha detto, amore? Mi avvicino alla vetta e cado dall’altra parte, il mio sperma schizza in aria e atterra sul suo cuscino. Corda dopo corda, colpendomi in faccia, sul petto e infine raccogliendomi sul ventre. Gemo, piango, urlo il suo nome mentre mi svuoto completamente, il mio orgasmo è così potente che mi manda un dolore lancinante attraverso la parte centrale. Il mio cuore batte cento volte al secondo, il mio respiro è affannoso. La mia testa gira mentre scendo lentamente, lentamente, lentamente dalla vetta e comincio a ritrovare l’equilibrio.

La mia bellissima moglie, meravigliosa madre, l’amica preferita di tutti, la sua puttana, si è data a un’altra, e io sono rimasto a portare me stesso a una bellissima agonia, alimentato dalla mia immaginazione, combattuto tra il dolore intenso e la gioia per la donna che amo ancora così, stupito dalla consapevolezza che probabilmente da tempo ha cessato di essere mia.

Adesso devo provare a rimettere insieme i pezzi. Mi stendo a lungo sul letto, poi mi alzo e vado in bagno. Immergo un asciugamano in acqua tiepida e pulisco lo sperma secco e il lubrificante appiccicoso dal mio corpo. io ste

al uno sguardo a me stesso nello specchio. Questo sarà anche il mio piccolo segreto.

Torno in camera da letto, rimetto a posto il flacone di lubrificante, appiattisco le lenzuola, arruffo i cuscini, indosso dei vestiti. Esco, chiudendo la porta quasi del tutto dietro di me, e vado avanti con la mia giornata.