telefono erotico – RACCONTI EROTICI SOTTOMISSIONE MORBIDA CAP. 02: COLAZIONE

telefono erotico – RACCONTI EROTICI SOTTOMISSIONE MORBIDA CAP. 02: COLAZIONE

26 Novembre 2021 Off di tarocchirichiesta

RACCONTI EROTICI – SOTTOMISSIONE MORBIDA CAP. 02: COLAZIONE

racconti erotici

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

Michelle si era svegliata, durante una telefonata al telefono erotico, mentre il suo prigioniero stava ancora sonnecchiando. Sembrava così carina. Michelle aveva fantasticato per anni sulla simpatica star dell’atletica. Vedere l’oggetto dei suoi affetti, legato, seminudo e totalmente indifeso nel suo letto. Era un sogno diventato realtà. Sophie aveva una bellezza così unica per lei. Forte, in forma e sportivo. Il suo corpo snello e tonico. Il suo simpatico pixie cut. Ma era sempre così timida e schiva. Forte e timido, mescolato in un unico pacchetto. Michelle non poteva fare a meno di fantasticare. Ora, tutte le sue fantasie stavano diventando reali.

Era stato un gioco d’azzardo, portarla via dalla festa e legarla, ma era stata così ricettiva alle sue gentili avances alla festa; e Michelle aveva visto il modo in cui la star dell’atletica la guardava quando si incrociavano. Sì, aveva scommesso e vinto alla grande. Sophie aveva preso la sua posizione di ‘prigioniera’ così rapidamente. Non aveva nemmeno espresso un momento di serio dubbio. Sembrava che la coppia si fosse divertita in egual misura nella sua tranquilla avventura.

Naturalmente, Sophie non era mai stata in un vero pericolo, ricordò Michelle a se stessa. Era tenuta prigioniera solo in senso giocoso. Tutto quello che doveva fare era chiedere e sarebbe stata liberata. Guardando il suo giocattolo addormentato, Michelle era così contenta di non aver sentito il bisogno di chiedere. L’intera esperienza era stata inebriante. Hm. Perché non assaporare la sensazione ancora un po’?

Scivolò di nuovo sotto le coperte, rannicchiandosi tra le gambe di Sophie, permettendo ai suoi ricci capelli biondi di solleticare ancora una volta le cosce del suo prigioniero, tirando fuori piccoli contorsioni. Incoraggiata da questo, Michelle iniziò a leccare con delicatezza, facendo scorrere lentamente la lingua sulla vulva di Sophie, deliziandosi con i gemiti e i sospiri silenziosi che la sua lingua tirava fuori dal suo prigioniero addormentato.

Si trovò anche a provare una sorta di piacere crudele, sapendo come avrebbe tormentato la povera Sophie. Come aveva detto la notte precedente, un orgasmo così facile e gratuito sarebbe stato un raro piacere per l’adorabile atleta. Per ora, Michelle intendeva solo darle piacere finché non si fosse svegliata. Tuttavia, avrebbe potuto anche divertirsi quando sarebbe arrivato quel momento di deliziosa crudeltà. Iniziò a far correre le braccia su e giù lungo i fianchi di Sophie, solleticandole leggermente, accarezzandole i seni, pizzicandole i capezzoli. Presto, il suo prigioniero si contorceva e gemeva per tornare nel mondo della veglia.

“M-michelle?” mormorò lei dolcemente. Michelle si staccò dal bel cavallo del suo prigioniero e si rannicchiò di nuovo accanto a lei.

“Buongiorno bellezza.” Lei tubò prendendo la testa di Sophie tra le mani, la baciò. Era più appassionato e più lungo delle sue tipiche beccate provocanti. Ancora divertendosi, Sophie sembrava fondersi con lei e ricambiava il bacio.

“Vado a preparare la colazione, tesoro.” Michelle ha detto calorosamente, aggiungendo in tono canzonatorio “Non andare da nessuna parte”.

“H-ehi!” Sophie squittì “Aspetta! Non puoi lasciarmi così!”

Un sorriso soddisfatto si allargò sul viso di Michelle. Proprio la reazione che voleva. Facendo la timida, si sedette sul bordo del letto e iniziò ad accarezzare i capelli castani ondulati di Sophie.

“Lasciarti così, bella? Tutta legata? Ma è una vista così bella. Oh, ti prometto che ti lascerò andare prima di mangiare!”

Sophie si accigliò.

“No. Uhm. È solo che… ti stavi comportando così… sai… carino con me?”

“Eh? Sono ancora gentile, vero? Ti farò dei deliziosi pancake con salsa di frutti di bosco, poi ho pensato che potremmo passare la giornata insieme. Ci sono dei bei parchi nelle vicinanze, o potremmo passare tutto il giorno a letto, coccolandosi.” Michelle accentuò le ultime parole con un piccolo bacio sulla punta del naso di Sophie.

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

“Voglio venire.” Sophie mormorò dolcemente “Per favore, signorina…”

È stato difficile resistere a una richiesta così educata, e ancora usando “Miss”, l’adorabile atleta era davvero una sottomessa naturale, vero? Eppure, erano anni che Michelle sognava di stuzzicare Sophie in questo modo. Si rannicchiò sotto la coperta e avvolse in un abbraccio il suo prigioniero legato, facendo scivolare un ginocchio tra le sue gambe e strofinando delicatamente l’inguine di Sophie.

“Beh, non sei avido, Soph?” Sussurrò all’orecchio di Sophie, il suo tono un misto di crudele canzonatura e amore “Dopo il delizioso orgasmo che ti ho dato solo poche ore fa, ne stai già chiedendo un altro?”

Sophie si dimenò nei suoi legami.

“S-non puoi prendermi in giro in quel modo e non farmi venire!”

“Posso, lo sono, e ho intenzione di farlo abbastanza spesso in futuro.” Ha baciato la guancia di Sophie e ha detto calorosamente “Se vuoi continuare a giocare insieme andando avanti, quello è.”

Ancora una volta, Michelle si alzò dal letto, aggiungendo scherzosamente.

“Possiamo discuterne dopo colazione!” Sorrise a se stessa, godendosi a tormentare la sua splendida prigioniera in questo modo. Quando si voltò per andarsene e sentì Sophie emettere suoni frustrati e piagnucolosi accompagnati dallo spostamento dei suoi legami contro il telaio del letto. Dannazione. Non poteva resistere all’offrire un po’ di gentilezza al suo povero, bellissimo prigioniero.

“Oh, va bene, bene! Hmpf. Avido.” Tornò al letto, staccò i polsi di Sophie dai polsini e slacciò con cura la benda. I loro occhi si incontrarono, lei accarezzò il viso di Sophie. “Se vuoi, puoi giocare con te stesso mentre preparo la colazione. Cerca di non fare troppo casino nel mio letto.”

Si sporse in avanti per offrire un bacio. Le guance di Sophie divennero rosse, i suoi occhi erano un misto di molte emozioni. Timidezza, eccitazione, sorpresa. Sophie ricambiò il gesto e si scambiarono un piccolo bacio.

“Okay, tesoro. Tornerò presto. Ti diverti qui dentro.” Detto questo, lasciò Sophie da sola in camera da letto, chiudendosi la porta alle spalle, e si diresse verso la cucina del suo appartamento.

Michelle amava cucinare per gli altri e cucinare per una bellezza assoluta come Sophie era un sogno diventato realtà. Si chiese a che tipo di cibo fosse abituata Sophie, se questo sarebbe stato un sogno diventato realtà per lei, o solo la norma. Era ovvio che aveva assolutamente sbalordito la splendida star dell’atletica in camera da letto, ma sperava di farlo ovunque. Non voleva solo un giocattolo sessuale, dopotutto. Voleva, beh, una ragazza. Un amante. Un compagno. Un animale domestico sottomesso. Aveva piani a lungo termine con Sophie che avevano bisogno che lei facesse di più che semplicemente stupirla sessualmente.

Frittelle con gocce di cioccolato mescolate alla pastella e salsa ai frutti di bosco. Sperava davvero che questo l’avrebbe aiutata a conquistare il cuore di Sophie. La tavola era apparecchiata, tutto era pronto, e lei era in piedi davanti alla sua porta chiusa, ad ascoltare i gemiti ei gemiti che provenivano dall’interno. Sophie si stava davvero divertendo, vero? Michelle si ritrovò a chiedersi, con gioia, se il suo povero prigioniero fosse già sceso o se l’avrebbe semplicemente stuzzicata ancora di più interrompendola? Bussò leggermente alla porta.

“Ehi, bella. È tutto pronto. Ripuliti, vestiti e vieni fuori a mangiare, per favore.”

Formulato come un ordine educato, sperava vivamente di impedire a Sophie di scendere. Le piaceva molto l’idea di stuzzicare la ragazza, tenendola sull’orlo dell’orgasmo, senza darle alcuno sfogo. Ovviamente lasciava che il suo bellissimo animale domestico scendesse di tanto in tanto. Una delizia rara. Una ricompensa amorevole per il buon comportamento. Ma doveva smetterla di pensare a queste cose, o sarebbe stata lei quella disperata a scendere!

Tornò al tavolo; ed è stata prontamente raggiunta da Sophie, che indossava solo il suo top e i boxer. Si chiese se lo stato di spogliatura di Sophie fosse parte di uno sforzo di seduzione. Non le importava, in ogni caso. Il maschiaccio sportivo sembrava così carino nei suoi boxer; era uno spettacolo meraviglioso.

“Ehi tu”, disse calorosamente mentre i loro occhi si incontrarono, prima di affrontare l’argomento di cui si stava preoccupando da un po’ di tempo ormai “Allora. Ehi. Io uh, spero che tutto questo non sia stato troppo diretto. Non era mia intenzione per spaventarti o qualsiasi cosa-“

Prima che potesse finire, Sophie aveva chiuso la distanza tra loro, preso il viso di Michelle tra le mani e aveva cominciato a tempestarlo di piccoli baci.

“Sei stato incredibile.” Ha detto felicemente “Ho adorato ogni minuto di questo. Forse fammi sapere in anticipo che mi porterai via da una festa in un sogno che si avvera. La prossima volta indosserò biancheria intima più sexy”.

A questo punto, le guance di Michelle sono diventate rosa acceso e la sua immaginazione ha vagato di nuovo in eccitanti fantasie. Si chiese quale sarebbe stato meglio. Sophie nel suo tipico abbigliamento casual e da ragazzo, o per lo splendido maschiaccio vestito con qualcosa di pizzo che ha messo in risalto il suo lato femminile. Bene. Se tutto fosse andato bene, probabilmente l’avrebbe vista in entrambi! Quel pensiero le scaldò il cuore.

“H-hey, sarebbe fantastico.” Michelle ha detto tranquillamente “Allora. Uhm. Non sei arrabbiato con me?”

Muovendo le braccia in un abbraccio, Sophie le baciò leggermente le labbra.

“No.” Ha detto gentilmente “Dimmi solo cosa hai pianificato la prossima volta, okay? Ho avuto un po’ paura per un secondo, ma sei stato così buono con me. È stato come un sogno, davvero.”

La prossima volta. Voleva farlo di nuovo. Sophie Green voleva essere nuovamente dominata in futuro; e indossare biancheria intima sexy per lei quando è successo.

“Bene.” Michelle ha detto “Bene! Okay! Siediti, tesoro! Non voglio che la mia ottima cucina si raffreddi!”

Mangiarono frittelle insieme, Michelle e la sua bellissima prigioniera. Era davvero una prigioniera a questo punto? Lo era mai stata? Se Sophie avesse mai espresso un momento di vera paura, vera ansia, sarebbe stata liberata così in fretta. Ma lei era d’accordo, no? L’intero gioco? Ora che stavano tornando alla realtà, facendo solo cose ordinarie insieme, Michelle era sia eccitata che spaventata.

Era stata sveglia fino alle prime ore del mattino, compiacendo e stuzzicando una delle ragazze più belle che avesse mai conosciuto. Tuttavia, aveva colto Sophie alla sprovvista… L’aveva portata via in uno stato assonnato, solo per far svegliare la star dell’atletica legata e bendata. Era stata così coccolosa alla festa però… Era arrabbiata? Paura? Sicuramente si è resa conto di quanto fosse al sicuro. Aveva solo bisogno di dire la parola, e…

Sophie la stava fissando intensamente.

“Cosa vuoi farmi?” Chiese timidamente prima di dare un altro morso ai suoi pancake. Sophie le aveva letto nel pensiero? Era una domanda così pesante. Michelle poteva ancora sforzarsi, ma quel sentimento dominante stava venendo meno. Tutto quello che vide dall’altra parte del tavolo era… Una star dell’atletica. Una cotta. Un pari. Un amico. Qualcuno a cui teneva e che non ha mai voluto spaventare o ferire.

“Cosa vuoi dire, Soph? Voglio darti dei pancake e-” iniziò Michelle, ma fu interrotta da una Sophie sorprendentemente potente.

“Hai detto di avere grandi progetti per me.” Ha continuato. La sua voce era dolce, piccola, ma potente. “Cosa sono? Dove andiamo da qui?”

Le guance di Michelle stavano diventando rosa. Adesso era il suo turno di sentirsi piccola.

“Michelle, ho adorato ogni momento. All’inizio ero un po’ spaventata, ma tu eri così gentile e generosa. Ma… è solo… una cosa di una volta? so come mi sentirei riguardo a th-“

Sophie stava iniziando a piangere. Michelle si alzò dalla sedia, attraversò la distanza tra loro e si inginocchiò ai piedi di Sophie, prendendole la mano e stringendola in modo incoraggiante.

“Mai.” Disse dolcemente. Era strano assumere una posa così sottomessa. In ginocchio davanti al suo amore. Ma sembrava giusto. Non era quello che le avevano sempre detto le persone? Che il Dominante fosse il vero servitore? Il sottomesso deteneva tutto il potere significativo? “No, a meno che non sia tutto ciò che vuoi.”

Posò la testa in grembo a Sophie. Sophie iniziò ad accarezzarsi dolcemente i capelli biondi e ricci. Si sentiva così piccola. Così carino.

“Dimmi cosa vuoi, Michelle.” Disse con calma, la tristezza e la paura che la lasciavano e diventavano qualcos’altro, qualcosa che Michelle non riusciva a identificare. “Raccontami dei tuoi grandi progetti per me.”

Stava stuzzicando con tanto amore le singole ciocche bionde, prendendo un ricciolo giocoso tra pollice e indice e facendolo roteare.

“Voglio essere la tua ragazza.” disse Michelle con una voce, poco più di un sussurro. Sophie continuava a stuzzicarsi i capelli, più si imbarazzava, più il gioco di Sophie sembrava dolce e profondamente amorevole.

“Cos’era quello, signorina?” Sophie chiese in un tono dolce e sdolcinato, sia dominante che sottomesso in una sola frase “Non ti ho sentito”.

“Ti voglio bene!” Michelle sbottò “Voglio essere la tua ragazza!”

“Fatto.” Sophie disse allegramente “Non abbiamo bisogno di affrettare nulla, ma siamo insieme ora. Può muoversi a qualsiasi ritmo tu voglia. Non può essere tutto, però. L’hai detto in modo così sexy la scorsa notte.”

“Voglio dominarti di più.” disse Michelle, cercando di sembrare più sicura di sé.

“È per questo che sei in ginocchio, ai miei piedi?” chiese Sophie in un tono sorprendentemente gentile e comprensivo, come se fosse pronta a qualsiasi risposta. Le sue dita iniziarono a tracciare amorevolmente il contorno del viso di Michelle, un tocco così amorevole. “È per questo che mi hai servito la colazione? Michelle, ti amo, ma non mi sento molto dominata in questo momento.”

Sophie si sporse in avanti e le baciò la fronte.

“Sembra che tu sia la mia serva. Il mio animale domestico.”

Il viso di Michelle era rosso vivo.

“Io… C-possiamo giocare con il potere? Sarò tuo. Tu sarai mio.” Mormorò mentre Sophie le accarezzava dolcemente il viso e le accarezzava i capelli.

“Penso che mi piaccia quell’idea.” Sophie ha detto felicemente “È stato bello, essere tutta legata. Un bellissimo giocattolo da cheerleader, che si contorce e geme mentre lentamente mi torturi il piacere.”

Sophie iniziò gentilmente ad accarezzarle il grembo.

“Sedersi.” Ha detto gentilmente. Rispondendo rapidamente, Michelle si è trasferita in lei… Fidanzata? Sì. Sophie Green era la sua ragazza. Si è trasferita in grembo alla sua ragazza ed è stata subito avvolta in un abbraccio.

“Sai.” Sophie, improvvisamente una creatura potente e dominante che trasforma la povera cheerleader in un mastice malleabile nelle sue mani “Mi piace la tua idea di harem. Dovrò parlare con le altre ragazze della squadra. Tutta la tifoseria, le nostre bellissime cameriere, sempre pronti a massaggiarci e darci da mangiare uva, dopo una dura gara.”

Qual era questa sensazione? Aveva sempre immaginato di spingere Sophie in giro. Trasformandola in un animale domestico. Un giocattolo. Eccola, inginocchiata davanti alla sua nuova fidanzata, presa in giro dall’idea di essere ridotta a una serva. La serva di Sophie. Qual era la parola che aveva usato? serva? Le faceva contorcere le viscere, così come la fantasia dell’intera squadra di tifo che si riduceva a servette per le belle ragazze della pista di atletica.

Sophie non era una sottomessa naturale. Era un interruttore, vero? Questo andava bene. Era un po’ sexy, davvero, e lei interpretava bene la parte sottomessa. La sua ragazza finì di mangiare, offrendo di tanto in tanto piccoli bocconi a Michelle con la forchetta. Sophie era la sua ragazza adesso, sembrava surreale. Sentì le braccia forti e leggermente toniche di Sophie stringerla in un abbraccio.

“Amo tutte le tue idee, tesoro.” Ha detto tranquillamente “Hai parlato di coccole a letto insieme tutto il giorno?”

Michelle arrossì “Ho pensato che potesse essere divertente.”

“Sono d’accordo.” Sophie ha detto calorosamente “E mi piace l’idea che tu mi prenda in giro ma non mi lasci venire”.

“Fate?” chiese Michelle, abbracciando Sophie.

“Mmh.” Lei tubò “Ecco cosa vorrei fare oggi. Per prima cosa, vorrei che mi presentassi tutti i tuoi giocattoli stravaganti; come quelli che hai usato su di me ieri sera. Poi…”

Strinse leggermente Michelle e la baciò sulla guancia.

“Voglio che mi stuzzichi il corpo, per ore e ore. Non devi farmi venire, ma devi farmi sentire bene. Okay, bella?”

“Va bene.” Michelle ha detto felicemente.

“Ma non legarmi, questa volta. Voglio toccarti.” Sophie ha aggiunto.

“Vedremo.” Michelle ha detto calorosamente, con un sorriso diabolico.