telefono erotico – RACCONT EROTICI VACANZA KINK

telefono erotico – RACCONT EROTICI VACANZA KINK

27 Novembre 2021 Off di tarocchirichiesta

RACCONT EROTICI – VACANZA KINK

racconti erotici

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Alcune ragazze online

Sono tutte occupate ? Guarda le altre ragazze disponibili sull’altra linea:

Lo scenario in Colorado è mozzafiato in qualsiasi momento dell’anno, ma soprattutto in inverno. La neve scende fino a diventare un pesante strato di freddo. A Natale, i cittadini sono già stufi del tempo, e comprensibilmente. L’inverno è così difficile da sopportare, soprattutto se stai arrancando attraverso la neve, la fanghiglia e il nevischio da solo. Chi avrebbe mai pensato che i due personaggi principali di questa storia si sarebbero incrociati? Con interessi condivisi, forse era solo destino che accadesse. Forse l’universo o il cosmo o le stelle erano allineate nelle notti che verranno descritte qui a breve. O forse è stata solo fortuna.

Entrambi erano due anime solitarie. Uno, un signore più anziano, vedovo, appunto. L’altra, una giovane studentessa, appena ventenne, sul punto di avventurarsi nel mondo da sola nei prossimi anni ma tutti di nascosto chiamavano ogni tanto la linea erotica a basso costo.

Il signore più anziano, Paul, era rimasto vedovo circa sei anni prima. La coppia sposata stava insieme da quando erano bambini, e lui era l’unico amante che avesse mai conosciuto. Ma, pezzo dopo pezzo, aveva ricominciato a mettere insieme la sua vita. Solo di recente si è ritirato dalla sua professione di architetto l’estate precedente e stava ricominciando a godersi la vita.

Essendo stato coinvolto in una professione così redditizia, aveva tutte le cose che voleva. Beh, cose materiali , ecco. Ora aveva 58 anni, senza alcuno sforzo di immaginazione un “vecchio”, ma più vecchio della maggior parte delle donne che incontrava. I loro appuntamenti finivano sempre con baci timidi o addii imbarazzanti, mentre lui tornava a casa da solo e in silenzio si prendeva a calci nello stinco e si malediceva a rovescio.

Paul era un bell’uomo. Era alto circa 5’11” o giù di lì con una corporatura media; non era “classicamente bello”, ma la sua goffaggine e goffaggine gli rendevano affezionate le donne. I suoi capelli castani erano leggermente grigi e i suoi occhi marroni di solito tradivano il suo umore: malizioso o serio, depresso o allegro, divertente o semplicemente noioso.

Non sapeva che, a poche ore di distanza, una giovane studentessa sarebbe presto diventata l’altra metà di lui. Forse per molto tempo, forse per poco tempo, ma abbastanza a lungo da far rivivere la sua fede nell’amore, o, perlomeno, la lussuria ben intenzionata.

Valerie era il nome di questa bomba vibrante e benedetta e leggermente casalinga. Aveva avuto molte esperienze con giovani della sua età, ma non era affatto considerata “facile” o una “ragazza veloce”. Con il suo bell’aspetto, l’intelligenza e gli ormoni sfrenati, era il sogno di ogni uomo e la maggior parte delle volte non aveva problemi a trovare appuntamenti.

All’età di 20 anni, era nel pieno della sua bellezza e giovinezza. Era alta circa 5’2 “e il suo peso si spostava tra 100-105 libbre. Aveva lunghi capelli castani che le scendevano a metà schiena; i suoi capelli erano pieni e voluttuosi, lucenti e ondulati, grazie alla sua forte eredità siciliana. I suoi capelli erano l’invidia e la gelosia di ogni donna con cui entrava in contatto (con suo grande divertimento). I suoi occhi erano di un marrone scuro, espressivi e pieni di risate. A riempirle le parti superiori c’erano seni piccoli ma pronunciati: una coppa B (una C -tazza se ha farcito).

Chiama con 899

899 telefono erotico

0,77 €/min IVA ESCLUSA

Chiama con carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

Ricarica carta di credito

carta di credito linea erotica

Solo 0,49 €/Min IVA COMPRESA

C’era una caratteristica fisica che faceva impazzire tutti i giovani: la sua pancia soda che era indossata con un anello luccicante e luccicante dell’ombelico. I gioielli hanno sempre messo in risalto la sua pelle morbida e tonica, una caratteristica che aveva lavorato così duramente per perfezionare durante i numerosi allenamenti, le partite di basket (per le quali era una cheerleader) e le ore personali di fitness.

Può sembrare che Valerie fosse una ragazza vanitosa, e in effetti lo era. Ci teneva molto al suo aspetto. Immaginava che ci sarebbe stato un sacco di tempo, più avanti nella vita, per essere vecchia, pesante e poco attraente, ma non era il momento per farlo. Era una cheerleader del secondo anno del college, ed era molto orgogliosa del suo aspetto.

Valerie era una studentessa studiosa e intelligente alla Naropa University, situata a Boulder. Dal suo primo giorno di scuola, ha deciso che si sarebbe laureata in Scienze Politiche. In tutta onestà, non aveva idea di cosa avrebbe fatto con la sua laurea una volta ottenuta, ma ne avrebbe raccolto i frutti, come chiunque la conoscesse bene lo capiva.

Seconda parte

Quel venerdì sera, Valerie e le sue ragazze della squadra si trovarono a quattro ore di distanza dalla loro università. Dovevano suonare all’Aspen University. Le ragazze si stavano preparando per il gioco, infilandosi le uniformi succinte, aiutandosi a vicenda a correggere le code di cavallo con i fiocchi e applicando le ultime macchie di trucco.

Le loro uniformi di allegria erano molto suggestive. Erano di un colore viola intenso, delineati e decorati con strisce e zigzag di bianco. Le gonne erano corte, elastiche e si adattavano perfettamente ai mutandine viola che si abbinavano ai loro vestiti. La metà superiore della loro uniforme era corta come un top corto; hanno generosamente mostrato la vita dei ballerini. In questo modo, Valerie potrebbe sfoggiare il suo bene più prezioso. La sera prima si era cambiata gli anelli all’ombelico: ora un prezioso gioiello di cristalli bianchi e lavanda le trafiggeva l’ombelico.

Era una fredda notte di metà novembre e le ragazze erano felici di uscire dal vento pungente. Il loro atletismo si mostrava in ogni spaccata, mossa di danza, lancio del canestro e gamba o braccio teso. A Valerie piacevano gli occhi indiscreti dei giovani che apprezzavano la loro dolcezza e le loro snelle montature, i pon pon viola e bianchi che tremavano come due pazzi grumi di lealtà per la loro scuola.

Per la maggior parte di una partita di basket, le ragazze sono state tenute nascoste, nascoste dietro i canestri, notate solo dagli osservatori più ardenti e amorosi. Ma quando arrivò l’intervallo, quello era il momento per le giovani donne di brillare: la flessibilità delle loro cosce, i loro volti sorridenti e lucidi, gli occhi sorridenti, le loro acclamazioni amichevoli e ritmate. In breve, quando è arrivato l’intervallo ed è arrivato il momento di fare il loro spettacolo troppo breve, sono diventati lo spettacolo che eclissa il bagliore che i giocatori di basket potrebbero mai sperare di avere.

Erano lontani i giorni in cui si era nervosi davanti a una folla; Valerie era una ballerina sicura di sé, a suo agio con grandi gruppi di persone, sempre molto calorosa e cordiale.

Valerie e le ragazze uscirono dallo spogliatoio, lungo il lungo corridoio ed entrarono in palestra. Le persone non si erano ancora sistemate ai loro posti, ed erano modellate come macchie, alcune in piedi, altre sedute, altre che si destreggiavano con il cibo. Il solito. Valerie si chinò per allacciarsi le scarpe Adidas bianche. Poi alzò lo sguardo e quasi inciampò su se stessa. C’era un uomo seduto tra il pubblico. Aveva un sacchetto di popcorn ed era completamente ignaro della sua presenza. Aveva un posto nel corridoio, forse tre o quattro file più indietro e stava parlando con un signore che era in piedi davanti a lui. Hanno fatto gesti divertenti con le mani e poi si sono salutati. Forse un vecchio amico.

Quest’uomo era molto più vecchio di lei. Aveva i capelli castani brizzolati e faceva uno spuntino casualmente con il suo cibo, completamente ignaro della giovane donna incantata dal suo aspetto rustico e attraente. Non era Brad Pitt o Tom Cruise. In effetti, era piuttosto ordinario nel reparto aspetto. Carino sì, ma neanche lontanamente bello. C’era qualcosa in quell’uomo che la attirava.

La sua migliore amica, Olive, le ha dato uno spintone amichevole da dietro e ha esortato a uscire e iniziare il gioco proprio come qualsiasi altro venerdì sera. Improvvisamente, l’uomo alzò lo sguardo dai suoi popcorn burrosi e la sorprese a fissarlo. Arrossì e distolse rapidamente lo sguardo, imbarazzata dal suo sguardo stupefatto. Fece finta di non notarlo e seguì le altre ragazze, facendo il figo.

Ma lei era tutt’altro che cool.

Poteva sentire la sua temperatura salire e sentiva una calda umidità nei suoi calzoncini viola. Qualunque. Era solo un uomo , non è che fosse un re . Datti una calmata, ragazza! Si spinse mentalmente nei suoi vecchi modi e, più determinata che mai, aveva deciso di dimenticare completamente questo vecchio .

Il gioco è andato avanti senza incidenti. Mentre i giocatori di basket dribblavano, schiacciavano e passavano la palla, Valerie non riusciva a concentrarsi. Continuava a pensare a quell’uomo in tribuna. Ha eseguito i movimenti della danza e del movimento quasi automaticamente. Per come era posizionata la sua squadra, l’uomo che aveva visto in tribuna era alla sua sinistra. Di nuovo, cercò di stare tranquilla, ma iniziò a sentirsi surriscaldata.

E alla fine è arrivato l’intervallo.

Sapeva di essere al centro dell’attenzione: era la ragazza che faceva le capriole e lanci in aria. La cosa peggiore – o forse la cosa migliore di tutte – avrebbe dovuto affrontare l’uomo più anziano per gran parte della loro esibizione. Doveva darsi credito: poteva mostrarsi coraggiosa quando il tempo lo richiedeva.

La routine è andata avanti senza incidenti. E poi è arrivato il momento per la piccola Valerie di essere issata in aria. Le sue ragazze le maneggiavano con cura i piedi e la parte posteriore delle cosce. Era giunto il momento di guardare tra la folla. Oh Dio. Quell’uomo stava guardando nella sua direzione. Come avrebbe gestito tutto questo? E sorrise leggermente a se stessa, sapendo che questo tipo più anziano avrebbe guardato le sue minuscole mutandine mentre veniva lanciata in aria. E così è andata. Mentre le sue ragazze la lanciavano in un lancio ben calcolato, lei era in equilibrio con tale grazia, le caviglie piegate in linea retta e piegate sulla fronte, le mani saldamente poste sulla parte posteriore delle cosce. Con la gonna sbocciata, si girò nel suo piccolo bozzolo di corpo e atterrò precisamente tra le braccia dei suoi compagni in attesa.

Aveva mostrato alla folla sia eroticamente che legalmente in una posa upskirt. Questo normalmente aumentava la sua tensione, ma i suoi occhi danzavano con nient’altro che desiderio mentre questo adorabile uomo sembrava così concentrato sulle sue acrobazie.

Sembrava concentrato su di lei e solo su di lei .

Parte terza

Quando la partita è stata finalmente terminata, Valerie ha trascorso un po’ di tempo in palestra con una nuova ragazza della squadra. Era ufficialmente esausta. I tifosi si stavano svuotando dai loro posti. I bambini strillavano con aria di sfida, non volendo andare a casa a letto, essendo stati strattonati con fermezza dalle loro madri. Il cibo è stato versato su tutto il pavimento dei sedili. Sembrava che la Gestapo fosse passata di lì.

La nuova ragazza si ritirò negli spogliatoi e Valerie si ritrovò in un edificio pieno di spifferi, presto sola, come gli spettatori stavano sfilando. Ha bevuto un sorso del suo Gatorade e poi si è diretta negli spogliatoi sulle orme della nuova ragazza quando una voce sommessa ha interrotto la sua passeggiata.

“Mi scusi signora?”

In qualche modo, sapeva che era lui.

Si voltò e gli mostrò il suo bel sorriso. Oh. Da vicino era ancora più carino di quando lo aveva visto seduto poche file più indietro. Sembrava essere un po’ titubante a parlare con lei anche se era lui l’aggressore.

“Ciao”, ha detto, senza parole.

“Ciao. Volevo solo dirti che sei stato fantastico là fuori. Non ricordo di averti visto qui prima.” Disse, accarezzandosi nervosamente i capelli, i suoi occhi vagano timidamente dal suo collo al suo viso.

“Il basket è uno dei tuoi sport preferiti?” chiese curiosa, gettando indietro la testa e bevendo un sorso dal suo Gatorade. “O ti piace solo guardare i ballerini?” lei lo stuzzicava.

Ha riso. “Beh, devo dire che mi piacciono entrambi,” disse piano, ammirando la sua bellezza. “Il basket è uno dei miei sport preferiti, ma devo dire che ammiro anche le cheerleader”.

Incrociò le braccia scettica, proprio come una donna che ha il doppio della sua età. “Ah, capisco. Ma ti rendi conto che la nostra squadra ti ha battuto stasera. Presumo che tu stia dalla parte di Aspen?”

“Sì. Come lo sapevi?”

“Fortuna ipotesi. Potrei dire che stavi facendo il tifo per me, però.”

I suoi occhi flirtarono con lei e la trattennero. “Ero.”

“Ad essere onesti, ti ho notato in tribuna,” disse, sbattendogli gli occhi in modo suggestivo. “Normalmente non attiro l’attenzione degli uomini adulti.”

“Penso che probabilmente li attiri più di quanto pensi di fare”, disse, ridacchiando tra sé e sé e facendo scivolare le mani in tasca.

“Beh, tu sei il primo che conosco”, ha confessato.

“Beh, allora hai rotto la ciliegia su di me,” disse, arrossendo, non rendendosi conto della crudezza che aveva detto finché non gli uscì dalla bocca.

“Non c’è bisogno di essere imbarazzati”, ha esortato Valerie. “Quel contratto è stato annullato molto tempo fa.”

Ci fu una pausa goffa tra la strana coppia.

“Allora come ti chiami?” chiese. “Sono Paul. Paul St. John.”

Tese la sua piccola mano morbida e si strinsero la mano; c’era una comprensione della loro reciproca attrazione. “Sono Valerie. Valerie Blossom. Felice di conoscerti, Paul.” Aveva la mano più grande e gentile che avesse mai incontrato.

Abbassò lo sguardo sul suo anello all’ombelico e poi la guardò di nuovo negli occhi, arrossendo. “Quindi, so che sembra strano detto da un vecchio come me, ma ti piacerebbe cenare con me una sera?”

Lei rise. “Mi piacerebbe, Paul. Hai una penna?”

Paul le ha fornito una penna dal taschino e lei ha scritto il suo numero di telefono sul suo avambraccio. Era davvero un bel braccio. Era scoperto dalle maniche arrotolate e aveva una bella chiazza di capelli scuri su di esso. Avrebbe voluto toccarlo, ma ha semplicemente annotato il suo numero, lasciando il segno.

“L’avrei scritto sulla tua mano”, disse, sorridendo. “Ma temo che lo useresti per altre cose stasera.”

“Ti dispiacerebbe se lo facessi?”

Si fermò e sorrise dolcemente. “No. Per niente.”

Con un movimento fluido, gli fece scivolare di nuovo la penna nel taschino e lo baciò velocemente sulla guancia, e, correndo nello spogliatoio, la giovane donna fu eccitata da questo nuovo sviluppo. La guardò mentre correva; la sua piccola coda di cavallo scura ondeggiava avanti e indietro mentre si affrettava all’interno dei labirinti.

Poteva sentire la sua erezione già crescere a tutta lunghezza mentre la guardava scappare. Voleva toccare il suo corpo. Il suo sedere si tese contro i bordi della sua gonna elastica e minuscola. La sua uniforme esponeva la sua morbida parte bassa della schiena, e come lui desiderasse guidarla gentilmente con la mano mentre le teneva la porta aperta.

Parte quarta

Valerie, essendo una delle ultime ragazze a entrare nello spogliatoio, ha chiacchierato con Olive che si stava ancora preoccupando del suo aspetto. Aveva un appuntamento quella notte. Valerie tirò il dolcevita aderente sopra il reggiseno e si infilò i jeans attillati, su e sopra il sedere. Era tutta T&A e lo sapeva. Olive la interrogò sull’uomo con cui Valerie aveva parlato.

“Hai intenzione di uscire con lui?” chiese, riapplicando il mascara.

“Penso di sì”, rispose Valerie, togliendosi i capelli dal fiocco e spazzolandosi i capelli. “Pensi che sia troppo vecchio per me?”

“Sì.” Il buon vecchio Olivo. Non ha mai girato intorno al cespuglio. “Ma penso ancora che dovresti uscire con lui, anche se ha l’artrite e legge AARP.”

Valeria rise. “Chi se ne frega? È carino da morire e mi piace!”

Olive guardò la sua ragazza nel riflesso dello specchio mentre si dilettava con un po’ di lucidalabbra. “Fai attenzione a ciò che desideri, Valerie. Non sai quanto possano essere estenuanti gli uomini più anziani.”

Valerie la guardò con un sorriso sbilenco. Ha colto il significato della sua amica.

Parte quinta

Il giorno dopo che Paul si era avvicinato a Valerie, la chiamò per chiederle di uscire per una cena. Hanno deciso di incontrarsi in un ristorante romantico il venerdì sera dopo il Ringraziamento. Durante la telefonata avevano flirtato e fatto commenti allusivi. Era destinato a essere un appuntamento davvero emozionante. Dal momento che vivevano a circa quattro ore di distanza, si sono recati a un “punto di mezzo” per incontrarsi; distavano circa due ore da ciascuna delle loro residenze.

Valerie è arrivata al ristorante poco dopo le 7 di sera. È entrata nel ristorante e ha visto Paul che l’aspettava nell’atrio. Sembrava così bello e di bell’aspetto. Indossava pantaloni blu scuro, una camicia abbottonata blu polvere e un blazer blu scuro. Sorrise ampiamente quando la vide e tese la mano.

“Ciao Valerie, che piacere vederti.”

Lo abbracciò stretto, sorridendo. “È così bello vederti anche tu, Paul. Accidenti, sei così bello.” Si fece indietro e lo guardò.

Ridacchiò. “Scusi, cameriere? Possiamo avere un tavolo adesso?”

Il cameriere ben vestito e immacolato sorrise e prese due menu. “Certamente, signore. Da questa parte.”

Valerie e Paul si tenevano per mano, le dita intrecciate, mentre si avvicinavano al loro tavolo. La chimica sessuale era innegabile, anche per chi li osservava casualmente. Il ristorante era molto attraente; aveva un ambiente accogliente e intimo. Ben illuminati, sì, ma non vedevano l’ora di cenare insieme quella sera e forse anche le serate future.

L’ha aiutata a togliersi il cappotto invernale, che ha drappeggiato sullo schienale della sedia. Sembrava così sexy nel suo completo da appuntamento: indossava pantaloni attillati marrone chiaro e un maglione attillato verde acqua, l’ombelico che giocava a cucù. Si sedette al suo posto e lui fece lo stesso.

Hanno iniziato ordinando una bottiglia di champagne. La cheerleader e il vedovo hanno guardato i loro menu e hanno iniziato a chiacchierare, prima su cose superficiali come la musica preferita ei film preferiti ei libri preferiti, e poi su argomenti più profondi. Non era sicuro di come affrontare l’argomento del fatto che fosse vedovo, essendo sposato da quasi 30 anni. Si è trattenuto.

“Sono sorpresa che un uomo come te sia single”, disse dopo che il cameriere ebbe preso l’ordinazione. Gli sorrise.

“Bene,” disse. “È una storia lunga e complicata. Non voglio caricare qualcuno così giovane con tutti i miei problemi”.

Allungò gentilmente la sua mano, comunicandogli che era pronta ad ascoltare quello che aveva da dire, se si sentiva a suo agio nel dirlo. Alzò lo sguardo dal suo vino con le lacrime agli occhi e vide solo una natura fiduciosa nell’espressione della giovane donna dall’altra parte del tavolo. Ha scavato nella parte più difficile del suo passato.

“Sento di potermi fidare di te, Valerie. Okay, qui non va niente.” Si fermò e guardò il tavolo e poi di nuovo lei. “Circa sei anni fa mia moglie è morta. Ha sopportato una lunga battaglia contro il cancro e, sfortunatamente, ha perso. Onestamente, non ho mai smesso di amarla o di mancarle. Ci siamo sposati quando avevo ventiquattro anni. Eravamo solo giovani». Bevve un generoso sorso di vino e si schiarì la gola. Appoggiò la mano arricciata sul viso e le sorrise tristemente, con gli occhi luccicanti. Con alcuni goffi colpi di tosse, ha bruscamente interrotto una delle storie più tristi della vita e ha passato a disagio la responsabilità di Valerie, suggerendole di menzionare qualcosa su se stessa. Era evidente al ventenne che si sentiva a disagio, quindi lei ha effettivamente preso il sopravvento sulla conversazione.

“Beh, non c’è molto di me che… che possa essere paragonato alla tua storia, Paul. Sto studiando Scienze Politiche all’Università di Naropa. Sono stata una cheerleader fin dai tempi del liceo. È stato un punto luminoso nel mio vita. Vengo da una famiglia numerosa, quindi, a dir poco, mi è piaciuto allontanarmi da casa e vivere le cose da solo”. Rabbrividì per la sua stupidità e immaturità. Stava usando le parole giuste? Si chiese.

“Sì, mi sono sentito allo stesso modo quando sono andato al college. Ero solo contento di essere fuori da solo, a fare le mie cose. Quando ti ho visto ballare alla partita di basket, sapevo che lo facevi da un po’ “, ha commentato. “Ho potuto vedere che eri esperto la notte che ci siamo incontrati.”

Inclinò la testa all’indietro e rise di una risata ardita, capace di spezzare l’umore cupo che la sua tragedia aveva portato su loro due.

“Che tipo di lavoro fai?” gli chiese, cercando di indirizzare la conversazione in una direzione diversa, positiva.

“Sono stato un architetto per molti anni. Sono andato in pensione proprio questo giugno. Il pensionamento è stato una benedizione e ho avuto la fortuna di potermi ritirare un po’ da giovane. Se potessi chiamarmi ‘giovane'”, ha scherzato.